Inchiesta Housework, bar Tribunale e Comune parti civili

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3219

Inchiesta Housework, bar Tribunale e Comune parti civili
PESCARA. Il Comune di Pescara e i gestori del Bar del Tribunale saranno parte civile nel procedimento nei confronti dei 26 imputati nell'inchiesta su presunte tangenti negli appalti pubblici al Comune di Pescara.

Nella terza udienza preliminare sull'indagine denominata Housework il gup, Guido Campli, ha ammesso le due parti civili che hanno chiesto di costituirsi e che in caso di condanna degli indagati potranno rivalersi sul loro patrimonio in parte già sequestrato.
Si tratta dell'inchiesta che nel dicembre 2008 ha portato all'arresto dell'ex sindaco di Pescara, Luciano D'Alfonso e che è nata per caso dal ritrovamento durante una perquisizione della famosa “lista Dezio”, un foglio di carta sul quale erano annotati nomi e cifre delle presunte tangenti versate dagli imprenditori.
Il gup Campli, nel corso dell'udienza odierna, ha ammesso dunque le richieste di costituzione di parte civile presentate dall'avvocato Claudio Di Tonno per il Comune di Pescara, e dall'avvocato Luigi Peluso, per i gestori del bar del Tribunale di Pescara.
Questi ultimi entrano nel processo come parte lesa in quanto oggetto di un tentativo di concussione da parte di Guido Dezio, imputato nell'inchiesta.
L'udienza è stata poi rinviata al primo giugno per consentire a Dezio di ascoltare le registrazioni telefoniche e ambientali che sarebbero circa una quindicina, dunque un numero assolutamente ridotto ad altri processi come ad esempio il Ciclone di Montesilvano dove c'è stata una lunga battaglia sulla trascrizione dei file audio.
Appena quattro giorni fa l'ex braccio destro di D'Alfonso ha presentato, infatti, apposita richiesta pur avendo avuto molti mesi a sua disposizione.
I difensori hanno tirato in ballo il diritto alla difesa che dunque prevede il diritto di ascoltare le registrazioni originali.
La procura dal canto suo ha però fatto notare che vi sono limiti logistici poiché l'attrezzatura è disponibile in una sola sala del tribunale che può servire anche a tutte gli altri indagati di tutti i processi.
Inoltre indagato e avvocato devono per forza essere assistiti da una persona designata dalla procura per la vigilanza del materiale probatorio.
A Dezio è stato concesso come termine ultimo per l'ascolto, il 25 maggio.
04/05/2010 17.21

[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=housework&mid=6&action=showall&andor=AND]TUTTO SULL'INDAGINE HOUSEWORK[/url]

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK