Nuovo Sert Pescara, tra meno di un mese il via ai lavori

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2253

PESCARA. E’ stata fissata per il prossimo 24 maggio la cerimonia per la posa della prima pietra relativa alla realizzazione della nuova sede del Sert a Pescara.


La data è stata decisa dal manager della Asl di Pescara Claudio D'Amario al quale ieri mattina l'assessore alla Gestione del Territorio Marcello Antonelli ha ufficialmente consegnato il permesso di costruire numero 123/10 per l'edificazione del fabbricato che sorgerà all'interno della cittadella ospedaliera e che ospiterà il Servizio per le Tossicodipendenze, pronto all'incirca entro nove mesi.
«Finalmente, dopo anni di rinvii, ritardi e problemi registrati con il passato governo comunale di centrosinistra», commenta soddisfatto Antonelli, «siamo riusciti a portare a termine una vicenda lunga, fissando una scadenza precisa alla chiusura degli uffici oggi situati in un condominio di Largo Lama, con tutti i disagi connessi per la popolazione residente».
Lo scorso 5 febbraio il Consiglio comunale ha approvato la nuova localizzazione del Sert.
Infatti nel maggio del 2008, la vecchia dirigenza della Asl e il passato governo cittadino avevano annunciato di aver affidato l'appalto per la costruzione della struttura, nell'area situata a ridosso del parcheggio a silos dell'ospedale civile di Pescara, lavori aggiudicati all'impresa Di Carmine.
«Dopo quell'annuncio», ricorda oggi Antonelli, «sul cantiere scese il silenzio: poche domande fecero emergere la verità, ossia che quello stesso cantiere non poteva essere aperto perché né la Asl né il Comune erano proprietari dell'area originariamente individuata per la costruzione della struttura, aprendo un contenzioso che il centrosinistra non è riuscito a dirimere e congelando il progetto stesso».
Il progetto è stato poi rimodulato e riapprovato dagli uffici tecnici comunali.
«In sostanza nell'area – ha ripercorso ancora l'assessore Antonelli – sorgerà un unico corpo di fabbrica al cui interno verranno localizzati laboratori, sale d'attesa, locali per le terapie familiari, garantendo l'abbattimento delle barriere architettoniche».
Non solo: la struttura verrà adeguatamente protetta rispetto all'area di parcheggio per assicurare da un lato la privacy necessaria agli utenti-fruitori del Servizio, e dall'altro la tutela della stessa area di sosta.
«L' opera è ormai improcrastinabile», continua Antonelli, «e ci consentirà di spostare a brevissimo il Sert dall'attuale dislocazione territoriale, restituendo serenità e tranquillità ai residenti di via Paolucci-Largo Lama costretti da anni a convivere con la costante presenza di utenti comunque in condizioni di disagio in cura presso la struttura».
«E' stata finalmente messa la parola fine al lungo e complicato iter burocratico e politico che ha accompagnato il progetto», commenta soddisfatto anche Moreno Di Pietrantonio (Pd).
«Esprimiamo grande soddisfazione per questo risultato anche per il grande lavoro che abbiamo svolto affinché si arrivasse a questo risultato a partire dalla nostra Giunta con l'impegno di D'Alfonso e dell'ex Direttore Generale Balestrino per arrivare all'ultima fase svolta con impegno dal Comune nella persona dell'Assessore Marcello Antonelli e dell'attuale Direttore Generale Claudio D'Amario. E' un risultato questo che va a vantaggio della città e del suo prestigio».

30/04/2010 8.39