Carrozzieri, dito puntato sulle assicurazioni: «distorcono il mercato»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2262

ABRUZZO. Officine sul piede di guerra con le compagnie:ignorate due sentenza della Consulta

 
Le compagnie assicuratrici, contraddicendo due sentenze della Corte costituzionale, inducono gli automobilisti a rinunciare al proprio carrozziere di fiducia, dirottandoli verso officine convenzionate.
E' quanto denunciano i carrozzieri abruzzesi aderenti alla Cna, che puntano il dito contro una pratica che finisce per distorcere le regole del libero mercato.
«Nonostante i pronunciamenti della Consulta, tra cui uno dell'anno passato, la 180/09, che ha chiarito in modo inequivocabile la facoltatività della procedura di risarcimento diretto, prevista dagli articoli 149 e 150 del codice delle assicurazioni - dicono i responsabili regionali di Cna Autoriparatori, Vincenzo Cicioni e Attilio Petrini - molti automobilisti abruzzesi,  coinvolti in incidenti stradali, si sono visti “caldamente consigliare” dalle proprie compagnie, quando non proprio indurre, a portare l'auto non al proprio carrozzerie di fiducia, ma a una officina delle rete convenzionata con le compagnie».
«Si tratta di un vero e proprio abuso – proseguono - perché mette in atto comportamenti che distorcono il regime di libera concorrenza, inducono gli automobilisti a scegliere una carrozzeria convenzionata piuttosto che quella di fiducia del cliente, limitano la libertà di scelta, favoriscono un controllo improprio del mercato dell'autoriparazione. Spesso infatti le autocarrozzerie convenzionate, per sottostare alle condizioni imposte dalle assicurazioni, sono costrette ad applicare tariffe palesemente sottostimate. Ed è difficile davvero non pensare che questo non finisca per influire sulla qualità della riparazione eseguita».
Per questo Cna Autoriparatori invita gli automobilisti abruzzesi non assecondare le indicazioni delle compagni di assicurazione, ma a rivolgersi al proprio carrozziere di fiducia, segnalando eventuali abusi: «Le compagnie di assicurazione – conclude la nota - sono tenute  per legge a fornire le più ampie delucidazioni sul tipo di contratto e sulle modalità di rimborso e di riparazione del danno».
27/04/10 10.36