Blitz anti prostituzione, ritirate patenti a due clienti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2410

Blitz anti prostituzione, ritirate patenti a due clienti
PESCARA. Due patenti ritirate a due ‘clienti’ per infrazioni al codice della strada e due prostitute identificate: è questo il bilancio dei nuovi controlli a tappeto scattati a Pescara contro il fenomeno della prostituzione.

In azione uomini della Polizia di Stato e della Polizia municipale che hanno passato al setaccio i luoghi classici battuti dalle ‘lucciole' attraverso un monitoraggio teso a scoraggiare quelle presenze.
«Nel frattempo nei prossimi giorni attiveremo anche un dialogo con la Polfer per i potenziamenti di tali controlli anche nell'area circostante la stazione ferroviaria», ha annunciato il presidente della Commissione consiliare Sicurezza del territorio Armando Foschi.
«Intorno alle 22 – ha ricordato il Presidente Foschi – è scattato il blitz delle Forze dell'Ordine, un servizio che ha visto impegnati gli agenti della Polizia di Stato, al comando del vicequestore Francesco Costantini, e le pattuglie della Polizia municipale, coordinate dal maggiore Adamo Agostinone e dal colonnello Attilio Gallo». I controlli hanno interessato le vie maggiormente afflitte dalla presenza di prostitute, ossia via Luisa D'Annunzio, viale della Pineta, via Pantini, il lungomare Cristoforo Colombo, a sud, dunque l'area tutt'attorno alla pineta dannunziana, e poi, a nord, l'area di via Michelangelo. Nel corso della notte sono stati sottoposti a controlli tutti gli automobilisti che accennavano a rallentare la marcia, forse perché alla ricerca delle prostitute che, dinanzi alle Forze dell'Ordine, si sono allontanate, e due uomini si sono visti ritirare la patente per infrazioni al codice della strada. Due invece le donne sorprese in piena attività in via Pantini e identificate dagli agenti per l'adozione dei provvedimenti del caso.
«Già nei prossimi giorni», ha annunciato Foschi, «assumeremo contatti, attraverso il questore, con la Polfer per concordare la predisposizione di servizi congiunti e mirati per debellare il fenomeno in un punto particolarmente sensibile della città». L'amministrazione, dal proprio canto, si è già attivata con Pescara Gas per l'inserimento di tutti i sottopassi ferroviari nel piano di rifacimento degli impianti di pubblica illuminazione, con l'obiettivo di accendere a giorno le aree, scoraggiando presenze sospette e fenomeni di microcriminalità.
24/04/10 9.27