Ex-Burgo, approvato emendamento di Rifondazione. «Importante passo avanti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2494

CHIETI. Approvato ieri in Consiglio Regionale l’emendamento presentato da Rifondazione Comunista che modifica la legge regionale 15 del 2008.



Si tratta di un passo verso la concretizzazione dell'accordo di programma siglato lo scorso 1 ottobre. La legge 15 proposta dall'allora consigliere regionale di Rifondazione, Angelo Orlando, vincolando le aree della ex-cartiera di Chieti Scalo per 99 anni ha impedito che un'area produttiva venisse divorata dalla speculazione edilizia.
Infatti la legge prevedeva che per un periodo di 99 anni dall'approvazione della presente legge «sono vietati i mutamenti di destinazione d'uso urbanistica a fini diversi da quello industriali ed artigianali dei capannoni, dei fabbricati industriali e dei terreni di pertinenza ai medesimi direttamente collegati, ubicati nelle aree della città di Chieti, limitatamente al perimetro industriale nel quale insiste la cartiera "Burgo"».
Proprio questa norma ha consentito a lavoratori e sindacati di contrattare un progetto di rilancio occupazionale.
«Tale disciplina vincolistica», spiega il consigliere di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo, «con l'emendamento approvato ieri viene meglio specificata per consentire le sole attività previste nell'accordo di programma (ricerca, laboratori, formazione, logistica, ecc.) mantenendo l'esclusione per residenziale, grande distribuzione, produzioni inquinanti e nocive».
«Spero che questa esperienza», continua Acerbo, «faccia scuola nella nostra Regione martoriata da dismissioni e delocalizzazioni. I poteri pubblici possono, se c'è la volontà politica, sostenere concretamente le lotte dei lavoratori per l'occupazione».
Il prossimo 4 agosto scadrà la cassa integrazione straordinaria e la Regione «deve in fretta compiere gli atti di sua competenza», sollecita l'esponente di Rc.
«Oltre alla modifica della legge 15/2008, è urgentissima la presentazione del progetto ai ministeri del lavoro e delle attività produttive. Spero che l'assessore Castiglione si attivi con la massima celerità in tal senso».

Questo è il testo dell'emendamento approvato all'unanimità:
 
All'articolo 1, della legge regionale 13 novembre 2008, n. 15 “Disposizioni in materia urbanistica”, sono aggiunti i seguenti commi:
2. Nell'area ex Burgo di Chieti sono ammesse, oltre alle attività produttive, anche tutti i servizi legati al settore ed in particolare attività di ricerca e laboratori, centro di formazione completo dei relativi e necessari servizi, come previsto dall'Accordo di Programma sottoscritto in data 1° ottobre 2009.
3. E' ammessa la realizzazione delle urbanizzazioni per consentire un processo di riqualificazione e reindustrializzazione dell'area.
4. Non sono ammesse attività produttive nocive e di produzione energetica mediante combustione, biomasse o pirolisi.
5. Sono escluse, altresì, le attività a carattere commerciale per la grande e media distribuzione, sia food che non food, nonché gallerie commerciali.
6. Le norme urbanistiche da applicarsi restano quelle previste dagli artt. 6 e 14 delle NTA del Consorzio Industriale Chieti-Pescara.
7. Si esclude, altresì, la realizzazione di interventi finalizzati alla residenza privata, fatti salvi gli alloggi previsti per il centro di formazione.

21/04/2010 11.50