Precari Provincia Pescara: «fare chiarezza su cosa accadrà»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3384

PESCARA. E' stata depositata la richiesta di un consiglio straordianario da dedicare alla discussione della stabilizzazione dei 64 precari provinciali.

La richiesta è stata avanzata dalla consigliera Antonella Allegrino, capogruppo IdV alla Provincia di Pescara, e sottoscritta dall'opposizione con il sostegno del consigliere Teodoro.
E in queste ore sono proprio i precari da oltre dieci anni in servizi in settori strategici a domandarsi quale sarà il loro destino.
«Seppur c'è un accordo sindacale sottoscritto tra amministrazione e tutti i sindacati rappresentati nell'Ente, che ci tutela in merito alla effettiva entrata in ruolo a settembre 2010», spiegano, «ad oggi non ci risulta siano state predisposte le necessarie operazioni di natura contabile e finanziaria, propedeutiche alla nostra immissione in ruolo».
I lavoratori hanno richiesto un incontro con il presidente, ma a distanza di oltre un mese, non ci sarebbe stata ancora risposta.
«Capiamo le difficoltà dell'amministrazione pubblica», assicurano i diretti interessati, «ma confidiamo nella volontà di fare continuità e stabilità alle nostre posizioni, nell'ottica della valorizzazione delle competenze, tutela del lavoro e legittimità di ruoli e funzioni».
Così oggi è arrivata anche la richiesta di un consiglio straordinario «reso necessario – spiega Antonella Allegrino - per avere conoscenza delle reali intenzioni dell'attuale amministrazione circa la volontà di perfezionare il percorso di stabilizzazione dei precari, indicandone i tempi e la modalità».
«Vogliamo avere chiarezza – sottolinea la capogruppo IdV – sulle disponibilità contabili previste nel corrente bilancio provinciale, anche alla luce dei recenti provvedimenti della giunta in materia».
Il riferimento è alla variazione di bilancio di previsione 2010, adottata con deliberazione n. 79 del 30 marzo scorso dalla giunta provinciale, per rinnovare l'affidamento dei servizi dell'Eurosportello alla cooperativa “Lo spazio delle idee”, di Roseto degli Abruzzi.
«Per far chiarezza su questo provvedimento – fa sapere Antonella Allegrino - ho presentato una interrogazione al presidente Guerino Testa per sapere se la giunta, prima di rinnovare l'affidamento, ha realmente accertato e valutato, presso il personale precario della Provincia, la presenza delle specificità professionali richieste per lo svolgimento del servizio dell'eurosportello e per conoscere il costo generale del servizio esternalizzato ed i riflessi di economicità per l'Ente».

16/04/2010 7.58

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK