Firmato a Pescara il protocollo d'intesa con la Bosnia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1018

PESCARA. E' stato stipulato ieri il Protocollo d’intesa con il sindaco di Mostar Beslic.


Obiettivo del Protocollo, ha spiegato il sindaco Albore Mascia, è quello di promuovere il potenziamento di rapporti sempre più stretti e solidali tra Pescara, la regione Abruzzo e la Bosnia-Erzegovina, «uno dei territori più belli, situati sull'altra sponda dell'Adriatico, dal punto di vista turistico-culturale, tra l'altro dichiarato patrimonio dell'Unesco».
«Tra i due paesi», ha proseguito Mascia, «è possibile sviluppare pacchetti inerenti il turismo religioso (Mostar dista 20 chilometri dal luogo di culto mariano Medjugorie) e non solo, dunque l'accordo odierno non si riduce a una firma sulla carta, ma piuttosto rappresenta un impegno formale che punta a dare inizio a un nuovo rapporto economico, culturale e soprattutto sportivo, fondamentale per una città come Pescara che si è anche candidata al titolo di Città Europea dello Sport per il 2012 e che ha vissuto l'incredibile esperienza dei Giochi del Mediterraneo, con un momento di perfetta unione tra decine di popolazioni».
Già nelle prossime settimane l'amministrazione comunale si farà promotrice dell'istituzione di un Tavolo con Provincia e Regione per attivare subito un collegamento diretto con la Bosnia, una linea portuale e aeroportuale, che offra anche nuove possibilità di sviluppo allo scalo abruzzese.
Subito dopo la firma del Protocollo d'Intesa la cerimonia si è trasferita nella Sala giunta del Comune dove il sindaco Albore Mascia ha donato al sindaco di Mostar Beslic un piatto in ceramica di Castelli, «uno dei simboli del nostro artigianato che vuole rafforzare il ponte d'amicizia esistente tra i due paesi».
Il sindaco Beslic ha annunciato che il dono verrà sistemato all'interno della nuova Sede del Consiglio comunale di Mostar che verrà inaugurata il prossimo maggio.
Il vicepresidente della Giunta regionale, Alfredo Castiglione, ha ricordato il percorso di «atti formali che ci portano oggi ad aggiungere un ulteriore tassello nella pianificazione di collaborazioni strategiche con un'area, quella balcanica, imprescindibile per lo sviluppo di tutto il Mediterraneo».
Il sindaco di Mostar si è detto «onorato del legame che rafforza non soltanto il rapporto tra le persone ma anche quello necessario tra sistemi economici».
08/04/10 11.04.02