Silvi, la protesta dei cittadini: «centro storico un tesoro abbandonato»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2420

SILVI. «Subito un piano di gestione per il centro storico, prima che sia troppo tardi».

È l' appello che lanciano i residenti di Silvi alta al sindaco invitandolo a ritirare fuori il piano particolareggiato «che giace ormai da alcuni anni nei cassetti delle stanze del palazzo».
«Sono passati cinque anni dalla vecchia legislatura e quasi un anno dalla nuova», protestano i residenti, «e siamo sempre più soli, con un centro storico che resta un giacimento abbandonato. Basta visitare i parco giochi, il campetto sotto gli archi per rendersene conto».
Negli anni scorsi l' Unesco ha approvato una direttiva in cui è fissato nel "piano di gestione" lo strumento per garantire la tutela dei centri storici: chi ha risorse, insomma dovrebbe valorizzarle e non lasciarle andare via col tempo.
«Il nostro centro storico», insistono i cittadini, «è il più grande patrimonio di Silvi, si per la sua splendida ubicazione che per la sua storia. Bisogna farne al più presto un grande volano di sviluppo tra dimensione conservativa e necessità di fruibilità, vivibilità e valorizzazione».
Per i residenti il Comune deve agire, e anche in fretta: «il sindaco dovrebbe convocare subito un tavolo con gli attori coinvolti sul tema da cui far emergere un' analisi dettagliata del sito, delle potenzialità, dei progetti e delle strategie da attivare per rivitalizzarlo stabilendo un cronoprogramma e criteri obiettivi per valutarne realizzazione e stati di avanzamento».
I residenti chiedono di mettere assieme soprintendenze, gestioni museali, enti di promozione, Curia, università, forze associative, culturali e commerciali.
«Chi ha visitato città come Urbino, Perugia e la vicina Città S Angelo (per non citarne altre di ben altro spessore)», continuano i residenti, «sa bene cosa significa utilizzare bene i fondi per i propri centri storici. Noi abbiamo un patrimonio ben superiore ma non riusciamo a metterlo a sistema».

30/03/2010 14.48