Pescara, scatta la lotta all'evasione di Tarsu e Ici

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1652

PESCARA. Scatta la lotta all’evasione della Tassa sui rifiuti solidi Urbani e dell’Ici che l’amministrazione comunale di Pescara avvierà costituendo una task force congiunta composta da Comune, Aipa e Soget.

L'individuazione degli evasori totali o parziali avverrà mediante il confronto della nostra banca dati dei contribuenti con i dati catastali e con quelli relativi alla nascita di nuove Partite Iva.
E' quanto hanno ufficializzato l'assessore alle Entrate Massimo Filippello e il presidente della Commissione Finanze Renato Ranieri durante la seduta odierna convocata per proseguire l'esame del bilancio 2010.
«La nuova amministrazione comunale – hanno ricordato l'assessore Filippello e il presidente Ranieri –, nonostante la difficile eredità ricevuta dal passato governo cittadino di centrosinistra, è riuscita ad assicurare una gestione perfetta del settore tributi, garantendo un passaggio indolore dal ‘caso' Tributi Italia alla Aipa di Milano che da circa un mese ha assorbito il servizio di riscossione dei tributi comunali, tra l'altro assicurando il mantenimento dei 15 posti di lavoro».
Attualmente l'Aipa ha garantito le stesse condizioni di trattamento di base fissate con la precedente società di gestione, ossia il versamento di un aggio annuale pari al 17 per cento dell'incasso.
Ma l'Aipa ha concesso altro: se infatti la società supererà la soglia dei 4milioni di euro l'anno di incasso, riconoscerà al Comune un'ulteriore forchetta oscillante tra il 3 e il 5 per cento.
Nel frattempo l'amministrazione comunale sta cercando anche di recuperare ulteriori spazi cittadini destinati alle affissioni, partendo dal ritrovamento di 400 impianti scomparsi nel nulla: «tali bacheche erano state installate inizialmente in corso Vittorio Emanuele, poi circa due anni fa, durante lo svolgimento dei lavori di riqualificazione urbana dell'asse stradale, sono state smantellate, e da quel momento se ne sono perse le tracce. Non sono state trovate nei magazzini comunali, né la ditta che ha effettuato le opere sembra averne memoria, un episodio che di fatto ha creato anche un danno economico al Comune perché 400 spazi di affissione in meno si sono tradotti in minori introiti per l'amministrazione stessa. Intanto l'Ufficio Entrate ha anche commissionato al settore patrimonio lo svolgimento del censimento di tutti gli impianti attualmente esistenti sul territorio».
Nel frattempo scatteranno le due grandi operazioni anti-evasione che interesseranno i pagamenti Tarsu e Ici: «Per la Tarsu – hanno ribadito l'assessore Filippello e il consigliere Ranieri – è già stata predisposta una task force che vedrà impegnati Comune, Aipa e Gestor e che opererà partendo dall'incrocio dei dati del catasto con quelli in possesso dell'amministrazione comunale per verificare le incongruenze tra il dichiarato e la realtà. Attualmente il tributo sui rifiuti si paga infatti sulla base della superficie calpestabile di un appartamento o di un esercizio: in molti casi alcuni utenti hanno dichiarato al Comune una superficie minore rispetto al dato reale registrato al Catasto, dunque pagano la tassa in misura minore rispetto al dovuto, generando un'evasione parziale. Il controllo incrociato con le Partite Iva ci permetterà invece di individuare, ad esempio, gli evasori totali, ossia società o liberi professionisti che hanno un ufficio per il quale però non pagano imposte».
Nel frattempo gli uffici comunali si stanno preparando anche per il recupero dell'Ici per il 2005 e il 2006: «L'obiettivo – hanno ancora affermato l'assessore Filippello e il Presidente Ranieri – è quello di non arrivare a emettere cartelle un giorno prima della prescrizione, ma di muoverci con calma, disponendo del tempo occorrente per le verifiche, tempo necessario per non commettere errori».

24/03/2010 14.26