Dimissioni di Testa: il presidente è ancora amministratore di società

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

9735

Dimissioni di Testa: il presidente è ancora amministratore di società
PESCARA. Ieri il freschissimo amministratore della Società di Medicina e Chirurgia srl, Carlo Massimo Rabottini, di sua iniziativa è sceso in campo a difendere Guerino Testa.
Annuncia così le dimissioni di Testa da due società ma le visure camerali non confermano.
Così poco dopo la pubblicazione di quella che voleva essere nelle intenzioni di Rabottini una piccata precisazione alle ''solite'' inesattezze di PrimaDaNoi.it si trasforma in un pericoloso boomerang.
Un lettore attento e informato nota che Rabottini propala qualche imprecisione di troppo, per non dire falsità.
Andiamo con ordine.
«Guerino Testa», scriveva Rabottini, «ha rassegnato le dimissioni ed è stato sostituito nelle cariche sociali rivestite nelle società Medigest srl e Società di Medicina e Chirurgia srl».
Una mezza verità più una grossa bugia. La mezza verità è che le dimissioni dalla Società di Medicina e Chirurgia srl sono diventate efficaci solo il 18 marzo 2010, cioè molto dopo gli articoli di PrimaDaNoi.it dello scorso 12 marzo ma soprattutto moltissimo tempo dopo la nomina a presidente della Provincia di Guerino Testa, il commercialista. Questo si evince dalle visure camerali di ieri.
Bugia piena, invece, sulle dimissioni dalla controllata Medigest srl dove amministratore unico figura ancora Testa.
Dalle visure estratte ancora ieri pomeriggio questo era il dato che emergeva.
Questa mattina, invece, anche la visura per la Medigest risulta essere aggiornata con il nuovo amministratore che è sempre Rabottini.

DIMISSIONI DA SCHERZI A PARTE

Così se Testa è ufficialmente fuori dalla Società di Medicina e Chirurgia srl con sede in via Venezia 4, ufficialmente non avrebbe più interessi professionali nella casa di cura Stella Maris che la società controlla.
Presidente del CdA di Stella Maris Srl è Antonella De Nicola, che è amministratore unico dell'Iri School di Francavilla che pure è sotto la lente di ingrandimento della finanza.
Dunque, i conflitti di interessi non si sciolgono ed il presidente Testa continua ad avere consistenti interessi in altre società –alcune anche attenzionate dalle procure- nelle quali al contrario di quanto dichiarano i suoi sodali è ancora amministratore unico.
Ora però sappiamo che tutte queste società fanno capo alla famiglia De Nicola, compresa una fiduciaria, la Amphora Fiduciaria spa, schermata fino a ieri ed oggi per stessa ammissione di Rabottini di proprietà del “professore” di Francavilla.
Sempre la Amphora è al centro di diverse inchieste anche fuori dell'Abruzzo per sospetto riciclaggio.
Una finanziaria che L'Espresso riconduceva al conte Enrico Maria Pasquini, già ambasciatore di San Marino in Spagna e presso l'Ordine di Malta, oltre che proprietario di banche sanmarinesi. Insomma uno che sa il fatto suo.
Che rapporti vi sono allora tra Pasquini e De Nicola?

TUTTE LE SOCIETA' AMMINISTRATE DA TESTA

Che rapporti vi sono con Guerino Testa che è anche amministratore unico della “Apd group srl” con sede nella affollatissima via Venezia 4 di Pescara?
La società è stata costituita nel 2005 e si occupa di costruzioni edili, acquisti, vendite, permute di terreni, locazioni di immobili, e la proprietà è divisa tra la Amphora fiduciaria e la Società italiana di revisione e fiduciaria S.I.Re di Milano.
Stesso discorso anche per la “Società abruzzese vacanze anziani –Sava mare srl”, anche questa di proprietà della solita Amphora e che ad oggi ha ancora come amministratore Guerino Testa.
Il caso si accanisce ancora perché Testa è sempre amministratore anche della ''Opera S. Tommaso l'Apostolo srl'', centro di alta diagnostica e cura di psichiatria e psicologia (in breve Sta srl).
Anche in questo caso la proprietà si divide tra Amphora e Società Italiana di revisione e fiduciaria. E la sede sempre in via Venezia 4, dove hanno lo studio Testa e Di Prinzio, socio che oggi è entrato di diritto nella Ddp, la nuova compagine societaria che riscontra numerosi favori per rilevare Villa Pini srl, tra cui ovviamente quello del presidente Testa.
Il tempo che avanza il presidente-amministratore unico-commercialista Testa lo dedica ad amministrare la Fenice srl, la società proprietaria dell'omonimo hotel ristorante di Francavilla in viale Nettuno.
Il problema, allora, rimane in gran parte politico e riguarda i molti interessi di un presidente della Provincia che contemporaneamente ha molti altri interessi privati oltre che qualche ombra tutta ancora da dissipare.
E bisogna chiarire anche molto altro perché -come minimo- si deve parlare di «potente lobby al lavoro» (fonte presidente della Regione Chiodi, pure del Pdl come Testa).
E se Chiodi non si riferiva a tutto questo a chi allora?
Sulla vicenda chiede spiegazioni il consigliere provinciale dell'Idv, Attilio di Mattia.
«Testa poteva non conoscere in tutti questi anni in cui è stato amministratore unico delle società appartenenti ad Amphora l'operato di Enrico Maria Pasquini?», si domanda Di Mattia, «E ammesso e non concesso che non lo sapesse, perchè non si è dimesso da amministratore unico di tutte quelle società immediatamente appena letto l'articolo su L'Espresso o di quelli più datati di PrimaDaNoi.it che parlano di inchieste che riguardano De Nicola? Forse pensava che nessuno lo ricollegasse a Pasquini?»
Intanto l'oroscopo consiglia maggiore cautela ed attenzione.
Il meteo prevede pioggia.

24/03/2010 8.18 ( aggiornato alle 10.25)

[url=http://www.primadanoi.it/notizie/25678-Politica&Interessi-privati-%C2%ABGuerino-Testa-non-%C3%A8-pi%C3%B9-amministratore%C2%BB]L'ANNUNCIO DELLE DIMISSIONI[/url]

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK