A Pineto inaugurazione distretto culturale: in biblioteca 5 mila libri

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1358

PINETO. Sarà inaugurato entro la fine del mese di aprile il nuovo distretto culturale di Scerne di Pineto, realizzato nei locali dell’ex casa Parrocchiale.



Nei giorni scorsi il sindaco Luciano Monticelli ha eseguito un nuovo sopralluogo per verificare lo stato di avanzamento dei lavori di recupero del vecchio stabile. «Manterremo la promessa di ridare alla città di Pineto e alla frazione di Scerne l'ex Casa Parrocchiale, per troppo tempo inutilizzata», ha spiegato il primo cittadino pinetese, «abbiamo già provveduto a sistemare alcuni locali con il rifacimento della pavimentazione, degli impianti elettrici a norma, dei servizi igienici. Realizzeremo all'interno dello stabile una mediateca, con 6-7 postazioni allestite con computer, creeremo, se possibile, anche un archivio Rai e di emittenti locali che in qualche modo hanno avuto a che fare con il nostro territorio».
Il fiore all'occhiello, comunque, sarà la biblioteca. Proprio in questi giorni il sindaco ha individuato il locale all'interno dell'ex Casa Parrocchiale che ospiterà inizialmente ben 5 mila libri, giunti da ogni parte d'Italia, regalati al Comune di Pineto da altre città.
«Ho riscontrato la piena collaborazione da parte di molti altri sindaci», prosegue Monticelli, «avremo un patrimonio inizialmente di almeno 5 mila titoli. E non è poco se pensiamo che stiamo praticamente partendo da zero. Ovviamente piano piano andremo a potenziare questa nuova biblioteca. Ma voglio anche sottolineare l'impegno che hanno garantito piccoli imprenditori della zona per ristrutturare l'ex Casa Parrocchiale. Al Comune di Pineto tale iniziativa non è costata praticamente nulla. Avevo chiesto una collaborazione da parte degli imprenditori della zona. E tutti hanno risposto mettendo a disposizione il loro tempo libero, i loro materiali, i loro mezzi per realizzare quei lavori che stiamo per portare a termine. Vogliamo che questa struttura diventi un centro di aggregazione e di cultura pura».
Intanto una parte dei locali già da alcuni mesi viene utilizzata per lezioni di ballo che accolgono numerosi appassionati. Prima dell'inaugurazione verrà abbattuta anche la vecchia recinzione dell'ex Casa Parrocchiale.
19/03/10 11.51