Città della Musica, «lavori finiti il 9 giugno» ma sorge il problema del canile

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2600

PESCARA. Il comune ha concesso una proroga di 85 giorni al completamento delle opere la cui conclusione era prevista per il prossimo 16 marzo.


Sarà l'ingegner Maurizio De Rugeriis di Avezzano a effettuare il collaudo statico e tecnico-amministrativo del primo lotto delle opere relative alla realizzazione della ‘Città della Musica', al posto dell'ex inceneritore di via Raiale. L'incarico è stato aggiudicato stamane e le operazioni prenderanno il via già dalla prossima settimana.

Il provvedimento di proroga dei lavori è stato richiesto invece dall'impresa responsabile del cantiere, la Paolo Di Giampaolo, per compensare i ritardi determinati dalle cattive condizioni meteorologiche della stagione invernale che hanno imposto diversi giorni di stop.
«A questo punto», ha ufficializzato il primo cittadino, Luigi Albore Mascia, «bisognerà completare tutto inderogabilmente entro il prossimo 9 giugno».
I lavori di realizzazione della Città della Musica sono iniziati nel giugno del 2007, esattamente tre anni fa, finanziati all'interno del programma Urban 2, un progetto che prevede la realizzazione di un maxi-contenitore al posto dell'ex inceneritore dismesso da oltre vent'anni, in via Raiale.
Tale struttura dovrà ospitare, tra l'altro, sale di registrazione, aule di studio, una sala polivalente per la realizzazione di spettacoli e sale prove, un punto di ritrovo per le giovani generazioni che vogliono tentare la strada dello spettacolo, un manufatto favorito tra l'altro dalla presenza sul territorio del Conservatorio musicale ‘Luisa D'Annunzio'.
I lavori sono partiti, poi sono stati bloccati da un lungo ricorso al Tar, per poi riprendere solo nel 2008, con un tempo già fissato per l'ultimazione dei lavori pari a 300 giorni.
Per consentire la prosecuzione dell'intervento, ha annunciato Mascia, «sarà necessario individuare una soluzione alternativa anche per il canile, visto che il passato governo di centrosinistra ha progettato la Città della Musica proprio nell'area oggi occupata dal ricovero per gli amici a quattro zampe, senza preoccuparsi in sei anni di realizzare una struttura capace di dare accoglienza ai nostri randagi».

05/03/2010 15.14