La lunga giornata di Tanzi, arrestato e rimesso in libertà dopo 24 ore

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3641

TERAMO. E' tornato in libertà, dopo il confronto con il giudice di corte d'Appello dell'Aquila, competente per la rogatoria internazionale chiesta dalla magistratura belga, l'industriale teramano Gianni Tanzi, 62 anni.(Tanzi a destra con il sindaco Brucchi)




TERAMO. E' tornato in libertà, dopo il confronto con il giudice di corte d'Appello dell'Aquila, competente per la rogatoria internazionale chiesta dalla magistratura belga, l'industriale teramano Gianni Tanzi, 62 anni.(Tanzi
a destra con il sindaco Brucchi
)





L'imprenditore è titolare della Teknoelettronica, aziende specializzata in automatismi e sistemi di sicurezza ieri era stato rinchiuso nel carcere de L'Aquila..
Tanzi, che è anche il presidente della locale squadra di pallamano maschile che milita in Elite, era stato posto in stato di fermo nella serata di ieri su disposizione della procura belga che indaga su una serie di episodi di corruzione e truffa nell'ambito dell'Unione Europea, per delle compravendita di immobili da destinare a sedi dell'Ue in altri Paesi.
Le accuse a suo carico sono quelle di truffa e associazione a delinquere.
L'autorità belga aveva già chiesto l'estradizione per l'imprenditore, poi oggi il colpo di scena con il ritorno in libertà.
Un punto a favore per Tanzi e una mossa a sorpresa per l'esito dell'inchiesta.
L'azienda dell'imprenditore si era aggiudicato gare per l'allestimento dei sistemi di sicurezza anche in alcune delle sedi sotto inchiesta ma la sua posizione era stata ampiamente chiarita nel 2006, quando fu sentito dal magistrato belga che indaga, come persona informata sui fatti.
Questa mattina l'industriale è comparso dinanzi al giudice e ha sostenuto ancora una volta la sua estraneità alla vicenda e all'esito del confronto ne è stata disposta la sua remissione in libertà.
I dirigenti, lo staff tecnico, i collaboratori e l'intera squadra della Teknoelettronica Teramo Handball, hanno espresso la propria solidarietà al presidente e la soddisfazione «per aver chiarito nella maniera più ampia la propria posizione rispetto a quello che assume sempre più i contorni di un disguido giudiziario».
«Nel ribadire la fiducia nella giustizia», dicono dal gruppo, «pregando i media di riservare analoga attenzione offerta per questa vicenda anche all'attività agonistica della Teknoelettronica in Elite e nel settore giovanile, quest'anno ricca di risultati, tutta la famiglia Teramo Handball augura al presidente Gianni Tanzi di vederlo sereno e spensierato sugli spalti del Palagiorgio Binchiu sabato prossimo, per tifare la propria squadra impegnata nel difficile compito di raggiungere la poule-scudetto».

02/03/10 16.10