Roseto, Notaresco e Morro D’Oro hanno la "carta per la cittadinanza sociale"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1913

ROSETO. Una mappa dettagliata dei servizi offerti ad anziani, minori, famiglie, disabili, gli orari di apertura degli sportelli i riferimenti delle cooperative che gestiscono i servizi.

E c'è anche uno spazio dedicato ai reclami e uno per i suggerimenti. Questi in sintesi i contenuti della Carta per la Cittadinanza Sociale predisposta dai Comuni dell'Ambito territoriale n.8 –Costa Sud 2, presentata ieri mattina.
Il documento sarà inviato alle circa 13.400 le famiglie residenti nei tre Comuni e vuole essere «uno strumento privilegiato nel rapporto tra istituzioni e cittadini, per la realizzazione di politiche sociali eque e condivise».
«Con la Carta per la Cittadinanza intendiamo tutelare i diritti di cittadinanza e la promozione del benessere sociale», ha sottolineato l'Assessore alle Politiche sociali Teresa Ginoble, «senza dimenticare che si tratta di uno strumento di partecipazione perché nasce dal coinvolgimento di tutti i soggetti interessati alla erogazione e fruizione dei servizi».
«Il risultato di questo lavoro conferma che la sinergia tra più Comuni dà frutti positivi – ha detto il Sindaco Franco Di Bonaventura -Con la Carta dei Servizi diamo alle famiglie le informazioni essenziali, ma dietro all'essenzialità delle notizie c'è tutta la filosofia dell'Amministrazione e la sua attenzione ai servizi sociali, quindi le risorse umane ed economiche. Inoltre con questo strumento ci mettiamo in discussione perché chiediamo ai cittadini di segnalare eventuali disfunzioni e di fornire suggerimenti per il miglioramento dei servizi erogati».
La carta assolve anche la funzione di strumento di garanzia di qualità, in quanto fissa e chiarisce i requisiti essenziali dei servizi e degli interventi del sistema locale di offerta.
«Con questo strumento miglioriamo la comunicazione verso i cittadini
– ha detto il Vice Sindaco di Morro D'Oro Simone Fasciocco. È un obiettivo raggiunto in sinergia tra gli Enti che, proprio grazie alla partecipazione dei cittadini contribuirà a migliorare i servizi stessi».
Soddisfatto del lavoro svolto si è detto l'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Notaresco Diego Di Bonaventura il quale ha sottolineato:«Ci siamo differenziati rispetto agli altri ambiti perché prima ci siamo preoccupati di creare il contenuto e di programmare i servizi sul territorio e solo dopo abbiamo dato il via alla comunicazione evitando inutili e vuote vetrine».
03/03/2010 8.31

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK