Giovane di 22 anni trovato morto per colpo di arma da fuoco a Morino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

5316

MORINO. Il corpo senza vita di un giovane di Morino, Comune della Valle Roveto, nella Marsica, e' stato trovato stamani dai carabinieri lungo la strada che conduce alla riserva naturale di Zompo lo Schioppo.
L'auto della vittima era parcheggiata poco distante. Il giovane e' stato ucciso da un colpo di arma da fuoco. Non e' ancora certo se si tratti di suicido o omicidio. A far scattare l'allarme, questa notte, erano stati i genitori del ragazzo preoccupati per non averlo visto rincasare.
Sul posto si sta recando il sostituto procuratore della Repubblica di Avezzano Maurizio Maria Cerrato assieme ai carabinieri ed effettuerà una ricognizione del luogo per accertare cosa sia realmente accaduto.
Dalle prime notizie però sembra che non sia stata trovata l'arma da fuoco il che fa naturalmente presupporre che si sia trattato di omicidio. Le notizie al momento sono frammentarie e non sempre univoche. Nulla si sa della vittima.

01/03/2010 10.27

LA VITTIMA AVEVA 22 ANNI

Il giovane deceduto si chiamava Paolo Pagliaroli, studente di 22 anni. L'arma utilizzata, una pistola, e' stata ritrovata dai carabinieri a diversi metri di distanza dal corpo. Il giovane e' morto con un colpo alla testa.
Per ora non si chiarisce il giallo della dinamica.
Si è saputo che non sono stati trovati biglietti e che era uno studente modello di Ingegneria e non ha avuto mai problemi di droga.
Fino alla mezzanotte è stato con alcuni amici in un ristorante, poi di lui si sono perse le tracce.
Occorreranno alcuni rilievi tecnici-scientifici quali lo stub per capire esattamente cosa è successo.
01/03/2010 12.24

POTREBBE ESSERE SUICIDIO MA…

«Allo stato delle indagini non si può affermare, con assoluta certezza, che Paolo Pagliaroli, il ventiduenne trovato morto nei boschi di Morino, si sia suicidato, anche se si tratta di un'ipotesi abbastanza realistica».
E' quanto sostengono gli inquirenti, magistrato e Carabinieri, al termine dei rilievi effettuati nel luogo dove è stato trovato il corpo.
Il fatto che la pistola sia stata trovata a una quindicina di metri dal cadavere potrebbe far pensare che, nonostante il colpo sia stato esploso al mento e sia fuoriuscito dalla testa, potrebbe non aver causato la morte istantanea, ma abbia dato qualche secondo al giovane per cadere lungo un pendio. Certezze si potranno avere solo quando si conosceranno i risultati dei rilievi della squadra scientifica dei Carabinieri, in particolare riguardo alla polvere da sparo nelle mani.
Il sostituto procuratore della Repubblica di Avezzano, Maurizio Maria Cerrato, titolare dell'inchiesta, ha dato incarico al medico legale Paolo Agnifili di effettuare domani, all'obitorio dell'ospedale di Avezzano, un esame autoptico.
Pagliaroli, studente universitario, frequentava la facoltà di Ingegneria dell'Università dell'Aquila.
I Carabinieri della stazione di Morino stanno raccogliendo le testimonianze di chi lo conosceva.
02/03/2010 7.54