Inquinamento aria Pescara, «i dati sono buoni, il tabellone è rotto»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2621

PESCARA. «I dati sulla qualità dell’aria inviati dall’Arta già da quarantotto ore stanno mostrando segnali di miglioramento che comunque ci spingono ad andare avanti sulla strada intrapresa».

E' ottimista il sindaco Luigi Albore Mascia sugli interventi predisposti dalla sua giunta per la tutela della salute dei cittadini.
Domenica scatta la prima giornata senza auto, sulla scia dell'iniziativa lanciata dal sindaco di Milano, Letizia Moratti.
Il primo cittadino ha anche assicurato che i dati sulla qualità dell'aria mostrano già un miglioramento rispetto ai mesi passati.
Questa circostanza sembrerebbe tra l'altro in assoluta controtendenza con il maxi-tabellone installato in piazza Italia ma il sindaco assicura: «il tabellone è ormai rotto, come accertato dai tecnici, da oltre due mesi e costantemente fisso sul segnale dell'allarme rosso anche quando i livelli di polveri e benzene sono bassi. Abbiamo già chiesto di ripristinare il corretto funzionamento dell'impianto, per garantire una corretta informazione degli utenti; in alternativa si dovrà procedere con la sua rimozione». La storia delle panchine in piazza Sacro Cuore ha fatto scuola.
Lunedì il livello del Pm10 era pari a 33 microgrammi nella centralina di piazza Grue, 28 in via Firenze, 39 in via Sacco e 32 in viale Bovio, «ben al di sotto dunque del limite di 50 microgrammi fissati dalla legge», ha detto il sindaco Albore Mascia
Martedì, secondo i dati pervenuti in Comune dall'Arta, i valori erano pari a 50 microgrammi in via Firenze, 33 in via Sacco e 49 in viale Bovio.

LE VIE CHIUSE AL TRAFFICO

L'ordinanza per la domenica a piedi è invece ormai pronta.
In sostanza il provvedimento ha imposto il divieto di circolazione per domenica 28 febbraio, dalle 9 alle 17, in tutta la zona compresa tra via Caravaggio, via dell'Emigrante (direzione sud, da via Bernini a via Tiepolo), via Caravaggio (da via Tiepolo a via Donatello), via Donatello (da via Caravaggio a via Raffaello), via Raffaello (da via Donatello a via Da Vinci), via Da Vinci, via del Santuario, via Ferrari, via De Gasperi, via Spalti del Re, via Valle Roveto, via Paolucci, Lungomare Matteotti, via della Riviera (fino all'incrocio con via Arno), via Arno, via Nazionale Adriatica Nord (da via Arno a strada provinciale 25), Strada Provinciale 25 (via De Gasperi) e ritorno in via Caravaggio.
Ovviamente tutte le strade citate, che segnano il perimetro dell'isola, saranno percorribili dai veicoli.
Resteranno aperte al traffico due valvole di sfogo: la prima, in direzione di marcia monti-mare, è rappresentata dall'asse via Tiepolo, via Nazionale Adriatica Nord (direzione sud, da via Tiepolo a via Cadorna), via Cadorna, viale Kennedy direzione nord (da via Cadorna a via Solferino), e via Solferino.
La seconda via di fuga, con senso unico direzione di marcia mare-monti, sarà rappresentata da via Ragazzi del '99 direzione mare-monti, piazza San Francesco, via del Milite Ignoto direzione mare-monti, viale Bovio direzione sud, e via Masaccio, direzione mare-monti.
E sarà ancora aperto alle auto il percorso viario di via Paolucci, piazza Italia, via del Concilio, via Ostuni, via Avezzano, via Bologna, via del Concilio, corso Vittorio Emanuele nel tratto compreso tra piazza Italia e via Chieti, via Chieti e via Caduta del Forte.
Gli uffici stanno poi completando l'elenco degli utenti che potranno circolare nonostante la chiusura, tra cui i mezzi di soccorso, i veicoli ibridi, a gpl o metano, «ai quali consigliamo», ha detto Fiorilli, «di esporre sul parabrezza una fotocopia del libretto di circolazione in cui si evidenzia l'impianto del proprio veicolo».
Potranno circolare anche taxi e pullman, automobilisti a servizio di utenti diversamente abili, veicoli a seguito di cerimonie religiose, preventivamente segnalati e autorizzati dalla Polizia municipale, medici in servizio o assistenti domiciliari, auto di clienti degli alberghi del centro muniti della prenotazione limitatamente al percorso tra l'albergo e i confini della città, e i veicoli utilizzati per la consegna a domicilio per fiorai, ristoratori o pasticceri.

25/02/2010 11.13