Pizzo per comprare il silenzio e tacere lo scandalo: rom arrestato a Nereto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2590

NERETO. Anacleto Di Giorgio, cittadino di etnia rom di 36 anni, e' stato arrestato ieri sera dai carabinieri della stazione di Nereto (Teramo) per estorsione aggravata e continuata.


L'uomo e' stato sorpreso mentre incassava da un libero professionista di 47 anni della Val Vibrata una busta con 500 euro in contanti.
I militari gli hanno teso la trappola dopo che il professionista, stanco dei continui taglieggiamenti che fino ad allora aveva fruttato al malvivente circa 50 mila euro, si era rivolto a loro per mettere fine alla sua odissea.
I problemi per la vittima erano iniziati a settembre 2009 quando decise di trascorrere una serata diversa in compagnia di una prostituta.
La lucciola aveva iniziato ad incalzare il facoltoso professionista con domande sulla sua vita privata, affetti, legami e famiglia.
Di nascosto, seconda la ricostruzione delle forze dell'ordine, aveva inviato un dettagliato sms a Di Giorgio che e' piombato poco dopo nell'appartamento mentre l'uomo si intratteneva con la squillo.
Facendo finta di averlo riconosciuto, Di Giorgio qualche giorno piu' tardi si era recato nell'ufficio in cui lavorava il professionista estorcendogli i primi soldi.
Pagare il suo silenzio era l'unica maniera per evitare che la moglie scoprisse il tradimento con la prostituta. In sei mesi Anacleto Di Giorgio gli ha portato via un mucchio di soldi. L'ultima volta e' accaduto ieri ma ad attenderlo c'erano i carabinieri che lo hanno arrestato in flagranza di reato.
23/02/2010 14.58