Abruzzo Sostenibile: «degrado assoluto lungo la riviera di Montesilvano»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

7458

Abruzzo Sostenibile: «degrado assoluto lungo la riviera di Montesilvano»
MONTESILVANO. C’è preoccupazione per lo stato in cui versa il lungomare del Comune di Montesilvano a pochi mesi dall’approssimarsi della stagione estiva. A lanciare il monito è l’Associazione Abruzzo Sostenibile.
È sufficiente fare una passeggiata da semplice cittadino per il lungomare per capire lo stato di abbandono in cui versa la riviera di Montesilvano, denuncia Abruzzo Sostenibile.
«A cominciare da nord presso la foce del fiume Saline a pochi passi dalle strutture alberghiere che si appresteranno tra pochissimi mesi ad accogliere migliaia di turisti, si presenta un evidente stato di abbandono con attività commerciali abbandonate e rifiuti dappertutto segno dell'incuria del cittadino, certo, ma soprattutto della mancanza di presenza dell'amministrazione comunale».
A pochi centinaia di metri si presenta un cantiere abbandonato sul marciapiede (e non è l'unico).
«È il famoso “muretto degli innamorati”», ricordano dall'associazione: «sembra morto prima ancora di nascere. Sotto gli occhi indifferenti dei passanti si assiste alla scena di un lungomare straziato dalla presenza di calcinacci e betoniere abbandonate da mesi. Dall'altra parte della strada, nell'area dove un tempo c'era il Luna Park durante la stagione estiva: cantieri edili (quelli non mancano mai a Montesilvano) ed intorno ancora rifiuti ed abbandono».



Basta andare ancora più a sud di appena un chilometro ed ecco campeggiare ancora un cantiere “morto”. «Un casolare di legno, dove un tempo c'era il punto della Croce Rossa è posto addirittura sotto sequestro dalla Guardia di Finanza», rileva l'associazione.
«All'interno del cantiere rifiuti, beffardo, troviamo il cartello arrugginito che sponsorizza un Comune che lavora per un città davvero vivibile …” davvero?!”, viene da chiedersi».
Poi c'è il capitolo pineta: «eppure basterebbe vedere cosa hanno fatto Comuni come Pineto per valorizzare un polmone naturale importante per una città dove il traffico strangola i cittadini nello smog», dicono da Abruzzo Sostenibile.
«La riviera dovrebbe essere il fiore all'occhiello per una cittadina costiera eppure ad oggi Montesilvano è terribilmente indietro rispetto ai Comuni limitrofi come Pineto, Silvi, Pescara e Francavilla.Il lungomare deve essere il simbolo di questa cittadina ed è una risorsa naturale fondamentale perchè migliora la qualità della vita dei cittadini di Montesilvano ed è anche un bene “economico” perché rappresenta la principale attrattiva del turismo»,denuncia Claudio Cammarota, presidente dell'associazione.
«Per questo motivo deve essere una priorità per l'amministrazione. Siamo preoccupati e chiediamo un intervento celere e risolutivo per lo stato di abbandono in cui versa il lungomare. I cantieri bloccati denunciano la mancanza di programmazione negli interventi del Comune ed intanto si avvicina la stagione estiva ed i disagi sono destinati ad aumentare e Montesilvano rischia di farsi trovare impreparata e di deludere i turisti che arriveranno... e forse non torneranno purtroppo».

23/02/2010 11.56