A Rosciano un cimitero a "led perpetuo"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2023

ROSCIANO. Già da qualche giorno è partita la sostituzione, all’interno del cimitero comunale, di tutte le tradizionali lampade votive a filamento, con lampade “eco” ossia a Led.

Il primo cittadino Alberto Secamiglio, sembra aver accolto in maniera molto positiva la segnalazione di questa nuova tecnologia: «i cimiteri comunali, rappresentano una fonte di consumo davvero importante dato che le lampadine rimangono accese 24 ore su 24 per tutto l'arco dell'anno. Con queste lampadine a Led garantiremo comunque la stessa luminosità, ma con un consumo di elettricità nettamente inferiore, dato che si stanno rimpiazzando le circa 450 lampadine da 3 watt con quelle di nuova generazione da 0,38 watt, le quali hanno una durata media di circa tre volte quelle convenzionali, quasi azzerando anche i costi di manutenzione. Non siamo certamente i primi ad applicare questa tecnologia, infatti sono tanti i Comuni che in Italia hanno scelto questa soluzione, per questo cerchiamo di stare al passo con i tempi».
«L'intervento al cimitero – dichiara il capogruppo consiliare Andrea Di Giovanni – si inserisce in un piano di risparmio energetico che questa amministrazione intende portare avanti.
Siamo convinti che il risparmio energetico sia la prima fonte di energia alternativa, e adottare soluzioni volte al risparmio, soprattutto per gli enti pubblici, rappresenta un gesto concreto anche a difesa dell'ambiente. Già dalla bolletta del prossimo bimestre saremo in grado di mettere a confronto gli effettivi consumi delle nuove lampadine a Led e sapere esattamente quanti kWh si saranno risparmiati.
Ovviamente chi beneficerà di questo risparmio saranno gli utenti, che ogni hanno pagano la retta per tenere accese le luci, i quali si ritroveranno un sensibile calo di bolletta».
L'assessore all'Ambiente Guerino Tomei ha spiegato che «i risultati ottenuti mediante l'utilizzo delle lampade votive a Led saranno sicuramente soddisfacenti e non è escluso che questa tecnologia venga utilizzata per effettuare alcune prove per la pubblica illuminazione; verranno infatti muniti alcuni lampioni di queste lampade a Led e successivamente confrontati i consumi di questi lampioni con quelli convenzionali, e se il risultato dovesse essere soddisfacente, portando un reale beneficio alle casse comunali, si provvederà alla sostituzione degli altri lampioni. Questo intervento costituisce indubbiamente un passo concreto verso l'applicazione delle teorie di risparmio energetico».

23/02/2010 8.24