Adolescente finge di essere stata rapita, ma i carabinieri scoprono il bluff

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1907

PESCARA. Una ragazzina di 12 anni , questa mattina, a Montesilvano, ha finto di essere stata rapita da tre persone e di essere stata rilasciata poco dopo.


Ha tentato di convincere di questa versione anche i carabinieri, coordinati dal capitano Enzo Marinelli, ma la storia che ha raccontato ha cominciato presto a vacillare e la dodicenne ha dovuto ammettere di aver inventato tutto.
La ragazzina ha chiesto aiuto al personale di un distributore di benzina, dove si e' presentata e da li' e' partito l'allarme al 112.
Ai carabinieri ha riferito poco dopo che mentre stava andando a scuola tre uomini su un'auto bianca l'hanno incappucciata e rapita per poi rilasciarla subito dopo.
Non sarebbe riuscita a guardarli bene ma avrebbe registrato solo il tipo di auto, una Peugeot.
I carabinieri, che hanno attivato controlli e posti di blocco, l'hanno ascoltata per ricostruire l'accaduto e capire i motivi e hanno chiesto alla ragazzina di ripercorrere insieme il terreno sul quale era stata con i tre.
In quell'area i carabinieri hanno trovato solo le orme della dodicenne per cui si e' capito che la storia era inventata e lei ha ammesso che in realtà non era vero nulla.
Sembra che nella sua famiglia ci siano dei problemi, forse derivanti dalla perdita del posto di lavoro del papà.
La ragazza è tornata a casa.

18/02/2010 15.41