Sequestrati 4 depuratori comunali nel pescarese

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2845

PESCARA. Su disposizione del gip Carla De Matteis il Corpo forestale dello Stato di Pescara ha sottoposto a sequestro preventivo quattro impianti di depurazione comunali.

I quattro impianti si trovano a Cappelle sul Tavo (località Terrarossa) e Collecorvino (località Congiunti, Castelluccio e Case Bruciate), tutti gestiti dall'Aca spa.
Due gli indagati e cioè Bartolomeo Di Giovanni, direttore generale dell'Aca, e Lorenzo Livello, vice direttore generale e direttore tecnico della società Aca spa, perchè avrebbero effettuato scarichi di acque reflue urbane superando i valori limite fissati dalla legge.
La facoltà d'uso e l'affidamento in custodia degli impianti di depurazione sequestrati è stata riconosciuta comunque all'Aca e agli indagati.
Le indagini su questi impianti rappresentano la seconda tranche dell'inchiesta che porto' al sequestro del depuratore di Montesilvano a fine estate del 2008 e di altri terreni inquinati da diossina.
Il pm che si è occupato del caso è Valentina D'Agostino, la Forestale è stata coordinata dal comandante provinciale Guido Conti.
12/02/2010 13.19