Pirati audiovisivi: la gdf sequestra 100mila dvd a Carsoli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1472

CARSOLI. Sequestrati 100mila dvd, film a luci rosse e cd pirata in un'azienda con sede a Carsoli e Roma.

E' l'esito dell'operazione "Ciak" portata a termine dalla Guardia di finanza di Avezzano che e' riuscita a smantellare un circuito di produzione video tra la Marsica e la Capitale, denunciando per violazione delle leggi sul diritto d'autore tre persone, titolari dell'attivita' e scoprendo cinquanta dipendenti che lavoravano in nero.
Merce che avrebbe fruttato sul mercato circa mezzo milione di euro.
L'operazione e' stata presentata questa mattina dal comandante provinciale della Finanza, Antonio De Nisi e da quello della compagnia di Avezzano, Diego Morelli.
Le indagini sono state avviate dopo un controllo nel settore contributivo nella sede operativa di Carsoli.
Le Fiamme Gialle hanno riscontrato una sproporzione tra il numero dei supporti audiovisivi riprodotti ed il numero dei "bollini Siae" in possesso dell'azienda, che era nettamente inferiore.
La finanza della Compagnia di Avezzano ha acquisito prove riguardo all'esistenza di un commercio clandestino che alimentava la vendita sui mercati paralleli di prodotti della "pirateria audiovisiva", con particolare riferimento al mercato dei film hard e della musica.
La Procura della Repubblica di Avezzano ha disposto la perquisizione delle due aziende di Roma e Carsoli e delle abitazioni dei titolari. Oltre ai 100mila cd e dvd, all'interno della due sedi sono state sequestrate circa 500 copie di film e 21 masterizzatori. Si tratta del sequestro piu' rilevante eseguito dalle Fiamme Gialle in Abruzzo nel settore della pirateria audio-video.

11/02/2010 12.00