Droga, operazione ''Polline e toro'': 2 arresti e 6 deferiti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3631

PENNE. Operazione “polline e toro”: un arresto in flagranza di reato e due misure cautelari eseguite nei confronti di giovani responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti.



Sono stati sequestrati 110 grammi di hashish, deferite 6 persone, segnalati 19 giovani assuntori tutti dell'area vestina.
Ai domiciliari sono così finiti Giuseppe Tolli, 29enne pregiudicato domiciliato a Montesilvano, e Dante Di Fazio, 37enne pregiudicato di Penne, sottoposto ad obbligo di dimora con obbligo di permanenza in casa dalle 21 alle 6.
L'operazione trae la propria denominazione dal gergo lessicale utilizzato dai giovani per indicare la qualità dell'hashish (“polline” o “toro” secondo la qualità).
Alcuni degli indagati si sono mostrati disponibili a collaborare con la polizia giudiziaria fornendo alcune preziose indicazioni sulle modalità di acquisto e successiva rivendita dello stupefacente, chiamando alcuni coetanei in causa.
Significativi alcuni aspetti della vicenda: due dei principali indagati di Penne si sono proposti quali acquirenti degli stupefacenti recandosi personalmente in località prestabilite per lo scambio per poi collocare il “polline” ed il “toro” su Viale San Francesco ai numerosissimi giovani, alcuni minorenni, dai quali erano stati letteralmente investiti di un vero e proprio “mandato”.
Lo smercio, estremamente e forse anche inaspettatamente remunerativo, ha talmente coinvolto i due giovani pennesi da spendere cifre considerevoli in vestiti e scarpe di note griffes ed accumulare via via debiti con i rispettivi rifornitori i quali, a loro volta, in più di una occasione si sono mostrati irritati dei ritardi nel saldo delle partite cedute.
I carabinieri hanno evidenziato anche la preziosa collaborazione prestata da alcuni nuclei familiari dei giovani coinvolti nel consumo di stupefacenti i quali, acquisitane consapevolezza, hanno affrontato i fatti non soltanto con l'immaginabile sconforto ma soprattutto con la ferma volontà di aiutare il proprio figlio ad uscire dal pericolosissimo ambiente della droga.

05/02/2010 12.46