Trovato senza vita l'uomo disperso sulle montagne di Roccaraso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3298

ROCCARASO. Giovanni Ferrante, il 49enne ricercato da alcuni giorni sulle montagne di Roccaraso è stato trovato morto sulle piste da sci.



L'uomo e' rimasto parzialmente sepolto sotto un distacco di neve che lui stesso ha provocato percorrendo un fuori pista in località 'Valle delle Gravare'.
La tavola da snowboard, rossa e nera, è stata ritrovata nei pressi e risulta spezzata.
Il sostituto procuratore della Repubblica di Sulmona, Maria Teresa Leacche, ha dato l'autorizzazione alla rimozione del corpo che sarà trasportato all'obitorio di Castel di Sangro per l'ispezione cadaverica.
«Ad uccidere Giovanni Ferrante e' stato l'eccesso di sicurezza», ha detto Luciano Sammarone, vice questore del Cfs e responsabile regionale del Soccorso alpino forestale.
«Anche il più esperto sciatore - continua Sammarone - non può conoscere le insidie che si celano sotto quello che può sembrare un manto nevoso assestato, ed è per questo che i tracciati fuori pista, difficilmente controllabili dai gestori degli impianti sciistici, non devono assolutamente essere percorsi».
Secondo una prima ricostruzione dei fatti Ferrante, nato in provincia di Caserta e residente a Latina, alle 16 di lunedì ha effettuato un'ultima salita sulla seggiovia 'Valle delle Gravare' in località Aremogna.
Una volta giunto in cima ha cominciato a ridiscendere la pista azzurra sul suo snowboard, quando per accorciare la discesa ha effettuato un fuori pista, finendo su un accumulo di neve fresca trasportato dal vento e posato su un lastrone di ghiaccio.
Al passaggio dell'uomo è avvenuto il distacco di neve con un fronte di circa 15 metri, che lo ha travolto e scaraventato contro gli alberi.
Giovanni Ferrante e' stato ritrovato dai soccorritori parzialmente sepolto dalla neve alla base di un albero, con ogni probabilità ucciso dall'impatto.
Varie le fratture e i traumi interni ed esterni.
Dopo l'ispezione cadaverica, effettuata all'ospedale di Castel di Sangro dall'anatomopatologo Ildo Polidoro, la salma e' stata riconsegnata ai familiari per le esequie che si terranno nella giornata di domani a Latina.

04/02/2010 14.33