Partiti i lavori per la Sala Buozzi: accoglierà riunioni e conferenze

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1999

GIULIANOVA. 270 giorni per la riconsegna dell'opera. Questi i tempi stabiliti per i lavori, già iniziati sotto la direzione dell'architetto Filippo Di Giovanni ed appaltati alla ditta Osvaldo Di Giuseppe Srl di Teramo.


Importo: 91.223 euro. I lavori dorebbero restituire a Giulianova la Sala Buozzi, un manufatto realizzato negli anni Trenta, inagibile dal 2001, ed acquisito dalla Regione il 15 maggio 2008.
«Con i lavori – dichiara il sindaco Mastromauro, che da assessore aveva seguito personalmente l'iter procedurale di acquisizione alla proprietà comunale – non si avranno solo il consolidamento strutturale dell'immobile, il rifacimento del tetto e il risanamento degli ambienti, ma anche tutto ciò che occorre per adibire questo edificio a moderna sala conferenze».
«E difatti – specifica in proposito l'assessore ai Lavori pubblici Roberto Mastrilli – si provvederà alle rifiniture interne, a nuovi infissi, ci si doterà di un impianto idrico-elettrico a norma, di un sistema di climatizzazione e verranno collocati opportuni arredi, incluse 64 poltroncine».
«E' un edificio – aggiunge il consigliere incaricato al Centro Storico Alessandro Giorgini - che ha segnato la storia della nostra città per un lungo periodo, dove peraltro vennero ospitate mostre importanti, come testimonia il rinvenimento dell'opera del grande Emilio Vedova. Quando i lavori verranno terminati, il Centro Storico, oltre alla biblioteca-pinacoteca “Bindi”, tornerà ad avere un luogo rilevante e strategico a disposizione della cittadinanza ed anche un polo-calamite per il turismo congressuale e culturale. E sarà anche, come speriamo, un incentivo per il rilancio della parte alta della città sotto ogni profilo».

23/01/2010 8.50