Consegnato al Comune di Roseto un immobile sequestrato dai Carabinieri

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1152

ROSETO. «L’atto di consegna di questo immobile al Comune di Roseto rappresenta innanzitutto il segno del rispetto delle regole e della legalità».

Con questa parole il sindaco Franco Di Bonaventura ha sottolineato la cerimonia ufficiale di consegna di un immobile da parte dell'Agenzia del Demanio al Comune.
Si tratta di una palazzina di quattro piani sequestrata dai Carabinieri nel febbraio del 2004 e che nei giorni scorsi la Prefettura di Teramo ha definitivamente assegnato al Comune di Roseto.
«Celebriamo la vittoria delle Istituzioni sulla illegalità e quindi desidero esprimere la mia gratitudine alle Forze dell'Ordine, in particolare ai Carabinieri che hanno permesso l'acquisizione dell'immobile e lo hanno restituito alla comunità».
Il sindaco Di Bonaventura ha poi ringraziato la Prefettura di Teramo e l'Agenzia del Demanio per aver consentito di mettere a disposizione l'immobile per i diversi scopi istituzionali come ad esempio uffici per le attività di solidarietà, segno distintivo della città di Roseto degli Abruzzi.
«Faremo immediatamente un progetto di ristrutturazione per rimuovere i piccoli problemi causati dall'incuria e dal tempo – ha sottolineato il sindaco – affinché l'immobile possa essere utilizzato nel minor tempo possibile».
La palazzina, che è stata già acquisita al patrimonio comunale, conta tre piani e un attico abitabile, per complessivi quattro appartamenti.
Secondo la stima fatta dall'agenzia del Demanio ha un valore di circa 700 mila euro.
22/01/2010 9.47