Nuovo casello A14, Di Giacomo: «non possiamo commettere errori»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3658

PESCARA. Nuovo casello autostradale A14: i dubbi e le proposte della nuova localizzazione.


Il consigliere provinciale Ferdinando Di Giacomo (Pdl) nel corso della riunione della Commissione Grandi Infrastrutture che si è tenuta nella giornata di ieri, ha posto il problema della localizzazione del casello autostradale A14, il cui svincolo è stato più volte indicato in località Terrarossa, nella zona di Cappelle sul Tavo.
«Sono convinto – ha dichiarato Di Giacomo - così come il presidente Guerino Testa, gli assessori provinciali, molti consiglieri e sindaci, dell'opportunità di localizzare lo svincolo in quell'area del comune di Cappelle, ma c'è stato il rischio, che spero di aver scongiurato nel corso della riunione di Commissione, di aver inteso male la precisa localizzazione».
Molti consiglieri infatti parlavano di località Terrarossa ma indicavano sulle carte IGM la contrada Fosso Nono, che insiste sul territorio di Montesilvano.
«E' quella», ha spiegato Di Giacomo, «una “porzione” dell' intera area posta al di là della via Vestina, verso sud, che costringerebbe gli automobilisti diretti verso l'interno ad attraversare di nuovo, tornando indietro, il territorio di Montesilvano».
In sostanza l'assessore teme che una localizzazione in quel punto non porterebbe alcun vantaggio per il traffico veicolare.
«L'area va localizzata effettivamente sul lato destro dell'A14, al di qua della Vestina, sul territorio di Cappelle sul Tavo», ha insistito Di Giacomo. «Solo lì avrebbe un senso impiantare un nuovo casello, che vedrebbe meglio collegati anche altri centri importanti della valle del Tavo e comuni come Città S.Angelo e Spoltore. Quello del raddoppio del casello è un'occasione unica, che dobbiamo sfruttare al meglio, tenendo sempre presente lo scopo per il quale si farà: liberare il più possibile le strade di Montesilvano e Marina di Città S. Angelo dalle auto e dai TIR che ingolfano il traffico e provocano inquinamento».

22/01/2010 9.45