Scorte ossigeno esaurite, rinviati interventi chirurgici a Vasto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

942

VASTO. Le scorte di ossigeno stavano terminando e gli interventi chirurgici programmati sono slittati di 24 ore.


E' successo l'altro ieri all'ospedale "San Pio da Pietrelcina" a Vasto, ma la notizia è trapelata solo oggi, diffusa dai familiari di alcuni pazienti che sono rimasti sorpresi per quanto accaduto.
La vicenda è stata poi confermata dall'ufficio stampa della Asl di Chieti-Lanciano-Vasto.
«Si e' verificato un abbassamento del livello di ossigeno e, visto che la ditta fornitrice non avrebbe fatto in tempo ad arrivare in mattinata per effettuare il rifornimento, si e' deciso di sospendere le operazioni programmate, mantenendo un quantitativo minimo di ossigeno, indispensabile per eseguire eventuali interventi urgenti. Le operazioni sono riprese regolarmente ieri».
Si è deciso quindi di non rischiare e non mettere a rischio la salute dei pazienti pronti ad andare in sala operatoria.
Ma polemizza sull'episodio la Lega Nord di Vasto che non ha gradito la vicenda.
«Quello che è successo - dice Stefano Moretti, coordinatore del circolo locale - e' un fatto grave: non vorremmo si trattasse delle prime conseguenze dell'accorpamento della Asl di Lanciano-Vasto a quella di Chieti. Il rischio e' che cali la qualità dei servizi offerti ai pazienti».
13/01/10 12.18