Frane e viabilità: interventi urgenti della Provincia di Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1515



CHIETI. La Giunta provinciale ha deliberato il finanziamento di cinque interventi urgenti per risolvere problemi di viabilità e di frane sul territorio: per un importo complessivo di 520 mila euro, saranno immediatamente appaltati i lavori per la messa in sicurezza di situazioni a rischio.
La prima tranche di 280 mila euro è stata stanziata per i primi interventi di messa in sicurezza della frana che insiste a Celenza sul Trigno.
La seconda tranche di 250 mila euro servirà per intervenire urgentemente sul manto stradale dissestato di alcune strade provinciali: la Guado-Liscia, la Pennadomo-Villa Santa Maria, la Casoli-Fara San Martino e nel comparto di Monteferrante.
Nel giro di un paio di giorni verranno firmate le determine che daranno il via ai lavori che saranno realizzati con la massima tempestività.
«Le condizioni del manto stradale delle nostre arterie provinciali – ha spiegato il presidente, Enrico Di Giuseppantonio – hanno rappresentato la nostra prima preoccupazione, visto che la campagna elettorale mi aveva permesso di constatarne l'assoluta trascuratezza: per questo, non appena si sono liberate risorse utili abbiamo deciso di dare priorità al ristabilimento delle minime condizioni di sicurezza per le strade più dissestate. Inoltre, abbiamo trovato i finanziamenti per la messa in sicurezza di una delle situazioni franose più pericolose che abbiamo riscontrato, quella di Celenza sul Trigno, che ora possiamo affrontare con l'incisività di cui c'è bisogno».
«Non appena terminata la ricognizione effettuata su tutto il territorio provinciale – ha chiosato il vicepresidente ed assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Tavani – ci siamo messi al lavoro per risolvere celermente i problemi che abbiamo visionato, con l'ordine di priorità risultante dalla gravità riscontrata: a questi primi interventi, davvero i più urgenti, seguiranno presto altri lavori su arterie stradali che hanno bisogno di manutenzione più che straordinaria».

21/12/2009 14.53