Provincia Chieti, adottato documento per rinascita occupazionale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1334

CHIETI. Si è tenuto ieri mattina presso il teatro comunale di Atessa, il Consiglio provinciale dedicato interamente alla situazione di grave crisi occupazionale che si registra in tutto il territorio.



Alla seduta hanno partecipato l'assessore regionale Mauro Febbo, il consigliere regionale Antonio Menna, il sen. Giovanni Legnini, i rappresentanti dei sindacati (Cgil, Cisl, Uil) e della Confindustria.
Il Consiglio provinciale ha discusso di un documento condiviso dalla maggioranza e dell'opposizione, illustrato dai consiglieri provinciali Federico Fioriti (Udc), presidente della Commissione consiliare Sviluppo Economico, ed Angelo Radica (Pd).
L'atto impegna il presidente Di Giuseppantonio e la giunta provinciale «a portare avanti un “patto di solidarietà” con gli altri Enti Locali, che abbia il compito di monitorare l'andamento dell'economia del nostro territorio e di proporre soluzioni condivise ai problemi rilevati».
Si dovranno così studiare forme di sostegno per coloro che hanno perso il lavoro a causa della crisi e un coordinamento fra i tre Patti Territoriali della nostra Provincia (Chietino – Ortonese, Sangro Aventino, Trigno – Sinello), in collaborazione con Sviluppo Italia, per sviluppare azioni volte ad attrarre nuovi investimenti e nuove imprese nel territorio provinciale.
La Provincia si è impegnata anche a farsi promotore di un accordo con il sistema bancario locale, per sostenere le PMI «con programmi mirati di consolidamento dei debiti».
Si dovrà verificare anche la possibilità di reperire fondi, «sia propri del bilancio provinciale, sia mediante la partecipazione a bandi regionali, nazionali» al fine di attuare interventi a sostegno al reddito delle famiglie dei lavoratori disoccupati, per favorire il reinserimento nel mondo del lavoro.
«Questa nostra solenne riunione – ha spiegato il presidente Di Giuseppantonio nel corso del suo intervento – vuole essere principalmente la testimonianza dello sforzo di tutte le forze politiche che rappresentano i cittadini della Provincia di Chieti a lavorare insieme, con un'orizzonte comune e senza preclusioni di parte, per alleviare i tanti problemi e le tante situazioni difficili che la nostra economia attraversa. Di fronte ad una situazione di grave crisi, il Consiglio provinciale ha saputo dare innanzitutto prova di unità d'intenti e credo che questo sia uno dei risultati più importanti che possiamo presentate ai cittadini della nostra provincia nel corso della seduta consiliare di questa mattina».
«Non possiamo permetterci la perdita di un solo posto di lavoro», ha detto ancora il presidente, «piuttosto puntiamo ad incrementare le possibilità di impiego attraverso una politica di stimolo e di concertazione».


19/12/2009 12.01