Trenitalia, scatta il regolamento Europeo. Tutti i vantaggi per i viaggiatori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3685

ABRUZZO. Il prossimo 13 dicembre, in occasione del cambio dell’orario ferroviario, entrerà in vigore anche in Italia il Regolamento Europeo dei diritti del viaggiatore ferroviario. * LA LINEA FERROVIARIA SULMONA-CARPINONE SARÀ POTENZIATA

Questo regolamento, illustra Federconsumatori Abruzzo, garantisce ai viaggiatori delle ferrovie diritti finora negati; «negati soprattutto dalla gestione monopolistica delle ferrovie».
«La situazione», spiega Tino Di Cicco, «è stata resa ancor più grave dalla mancanza di un Garante della mobilità, capace di garantire in qualche modo i cittadini in questo ambito.
Questa situazione di vera e propria sudditanza nei confronti del monopolio ferroviario ha danneggiato non solo i singoli viaggiatori, ma la stessa politica del trasporto pubblico».
Con l'entrata in vigore del Regolamento 1371/2007, invece, alcune situazioni sembrano proprio destinate a cambiare : a vantaggio dei cittadini.
Per esempio nel campo delle informazioni: «Trenitalia», continua Di Cicco, «sarà obbligata non solo a fornirle per i collegamenti più veloci, ma anche per quelli meno costosi; dovrà poi indicare procedure per il recupero dei bagagli smarriti in treno, e fornire informazioni nel campo delle coincidenze».
E proprio nel campo delle coincidenze si realizzerà quella che Federconsumatori Abruzzo chiama «una vera e propria rivoluzione»: «finora la Dirigenza di Trenitalia è rimasta sorda a tutte le richieste delle Associazioni dei consumatori tese a migliorare il servizio in questo segmento critico del viaggio; adesso non potrà più farlo.
Infatti, con il Regolamento Europeo i cittadini avranno diritto ad un rimborso del 25 o 50% del prezzo complessivo del biglietto , a seconda del ritardo alla destinazione finale del viaggiatore».
Ritardo che sarà considerato non solo per i viaggiatori dei treni Intercity o Eurostar, ma per tutti i treni, regionali compresi.
Perciò se un cittadino deve viaggiare, per esempio, da Sulmona ad Ancona e utilizza un primo regionale da Sulmona che arriva a Pescara con 20 minuti di ritardo, impedendo così l'utilizzazione del secondo regionale in coincidenza, Trenitalia potrà scegliere tra due opzioni: o consentirà l'utilizzazione di un eventuale Eurostar (oppure Intercity) senza che il viaggiatore debba pagare niente, oppure rimborserà il 50 % del biglietto, se il treno successivo disponibile porterà ad Ancona con almeno 120' di ritardo( il rimborso sarà del 25% nel caso si arrivi ad Ancona con almeno 60' di ritardo)».
Quello che è importante sottolineare per Federconsumatori è che comunque il cittadino avrà diritto al rimborso in riferimento alla sua destinazione finale; perciò se perde la coincidenza avrà quasi sempre il diritto al rimborso.
«Infine», chiude Di Cicco, «è importante evidenziare che l'articolo 30 del Regolamento Europeo prevede che ogni Stato deve attivare un Organismo in grado di rendere esigibili i diritti del viaggiatore ferroviario».

11/12/2009 17.39

[pagebreak]

LA LINEA FERROVIARIA SULMONA-CARPINONE SARÀ POTENZIATA

SULMONA. La linea ferroviaria Sulmona-Carpinone non sarà soppressa, non subirà nessun tipo di ridimensionamento ma sarà potenziata.
Questa la rassicurazione che è arrivata ieri, dal Sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino all'onorevole Paola Pelino che confermato anche l'attraversamento di due coppie di treni Sulmona-Napoli agli stessi orari per il prossimo anno.
La risposta all'interrogazione cita testualmente: «Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, vista la rilevanza che la linea in questione riveste per il territorio sia sotto il profilo del servizio ferroviario sia soprattutto sotto quello storico ed ambientale con le ovvie ricadute turistiche, garantisce la propria disponibilità, pur sempre nell'ambito delle competenze attribuite agli enti regionali, a farsi parte attiva per l'individuazione dei necessari strumenti finanziari».
La tratta ferroviaria, di un tracciato di 118 chilometri, rappresenta uno snodo molto importante per il Centro Abruzzo e per l'intero territorio dei Parchi dato che viene considerata una delle più belle d'Europa. Un pezzo di storia della regione.
«Sono molto soddisfatta dell'attenzione posta dal ministero per questa linea ferroviaria ultrasecolare, inaugurata il 18 settembre del 1892, - ha precisato Pelino – dato che serve numerosi centri del nostro territorio, sia nell'entroterra che nelle zone montuose disagiate. Per rilanciare il territorio, per poter fare turismo, abbiamo bisogno di servizi strategici, e questa tratta ferroviaria ne è un esempio lampante. Per non parlare poi della fondamentale importanza che riveste per i comuni montani nei collegamenti con i centri più grandi e per usufruire delle indispensabili strutture (università, scuole, ospedali, enti ed istituti), per l'alta perizia ingegneristica, per le bellezze dei territori che attraversa e per il ruolo strategico in zona sismica e di collegamento tra il mare Adriatico e il Tirreno».

12/12/2009 9.53