Ponte del Mare. Mascia cambia idea: «onorato ed orgoglioso di inaugurarlo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

8018

Ponte del Mare. Mascia cambia idea: «onorato ed orgoglioso di inaugurarlo»
PESCARA. «Un’opera fantastica», «tutto fatto nei tempi», «ci sentiamo onorati», «sarà una festa», «grazie alle imprese e alla Fondazione», «un patrimonio della città».
Se fossero parole dell'ex sindaco Luciano D'Alfonso non ci sarebbe da stupirsi ed invece…sono le nuove idee del sindaco Mascia alla vigilia dell'inaugurazione.
“Sogno o son desto?”
Probabilmente se lo sarebbero chiesto tutti i pescaresi, se fossero stati presenti alla conferenza stampa di questa mattina indetta per presentare la cerimonia di inaugurazione del Ponte del Mare. A quello stesso schieramento di maggioranza che, qualche mese fa, indiceva conferenze stampa, un giorno sì e uno no, per denunciare presunte illegalità sulla realizzazione arrivando a chiedere anche il «blocco dei lavori», toccherà inaugurare proprio il famoso Ponte del Mare.
Che sfortuna, si dirà.
Ed invece la nuova amministrazione non si sente vittima di iattura.
Anzi.
E' felice e contenta di inaugurare il Ponte di cui oggi tutti hanno tessuto le lodi. Addirittura il sindaco ha ripetuto per ben due volte di sentirsi «onorato ed orgoglioso».
Ad affiancare il sindaco Mascia ed il vice sindaco Berardino Fiorilli, erano presenti i rappresentanti delle aziende che hanno finanziato l'opera: il presidente della Fondazione Pescara Abruzzo, Nicola Mattoscio, Marco Sambuco della Fater, Andrea Di Properzio ed Enrico Marramiero.
Assenti giustificati Carlo Toto e Simona Ferri, che hanno assicurato la loro presenza per martedì pomeriggio.
L'amministrazione deve proprio avere cambiato di colpo idea sul Ponte e lo si capisce chiaramente dalle parole di Nicola Mattoscio che ha ringraziato il sindaco e il vicesindaco «per l'impegno e per l'entusiasmo personale».
Una grinta che prima era, senza dubbio, impiegata per contrastare «l'opera simbolo».
Mascia non ha nascosto il passato accanimento, basato soprattutto sulla «scarsa funzionalità di un passaggio ciclopedonale».
A tal proposito c'è già l'idea di predisporre un mezzo elettrico a 8 posti per permettere anche ai disabili di «godere della magnifica visuale».

L'INAUGURAZIONE A CURA DELLA MIRUS

Martedì 8 dicembre, alle 17.30 presso il Largo della Madonnina, si terrà la «cerimonia d'inaugurazione solenne ma sobria» presenziata dal presidente della Regione Gianni Chiodi, dal collaudatore dell'opera Enzo Siviero e dall'ospite d'onore Vincent Tummino, personaggio simbolo di rinascita.
Tummino è stato il coordinatore delle prime operazioni soccorso a seguito dell'attentato dell'11 settembre alle Torri Gemelle di New York.
Si potrà attendere l'apertura contemporanea delle rampe anche dal lato sud del Ponte dove ci sarà un maxischermo per seguire l'evento.
A curare l'evento ci ha pensato l'agenzia Mirus&Co. di Michele Russo, presidente della Gtm.
«Un compito semplice» ha confessato Michele Russo in conferenza stampa «perché il Ponte è scenografico di per sè».
E' previsto uno spettacolo di acrobati dell'aria della compagnia “Osa”.
Si punta ad una partecipazione di massa, con l'invio di migliaia gli inviti ai cittadini pescaresi. Quanto costerà l'inaugurazione?
Il sindaco Mascia non lo sa, perché «paga tutto la Fondazione Abruzzo».

MASCIA: «NON SONO A DISAGIO NELL'INAUGURARLA PROPRIO IO»

Dopo la conferenza, il sindaco si concede alle domande di PrimaDaNoi.it.
Non si sente a disagio ad inaugurare il Ponte?
«Io penso che le regole del gioco siano queste: c'è un principio di continuità dell'amministrazione. Io ho ereditato le cose positive e quelle negative».
Ma voi, quando eravate all'opposizione, contestavate sì la funzionalità di un ponte ciclopedonale, ma anche la legalità…
«Sì, ma io su questo punto non ci sono mai entrato, era soprattutto Masci», ha spiegato il sindaco. Masci aveva scoperto e contestato anche il fatto che la Fondazione Abruzzo prendesse i soldi per finanziare l'opera dalla capitolo “Sanità” del bilancio sociale della fondazione.
Oggi lei ha elogiato l'operato di Mattoscio, cosa è cambiato rispetto a prima?
Annuisce Mascia, mentre parliamo, e risponde: «è cambiata la responsabilità. Ora abbiamo una responsabilità di governo».
Per quanto riguarda la legalità, Mascia ha aggiunto che «l'opera c'è, è stata finanziata, ma non c'è un'inchiesta della magistratura, o per lo meno a me non risulta. Io sono per le regole e per la legalità. Se qualcuno mi avesse detto “vedi che c'è un problema di natura giudiziaria, io avrei fermato il cantiere».
In una delle conferenze stampa contro il Ponte del Mare, voi stessi per bocca di Berardino Fiorilli (attuale vicesindaco, ndr) chiedevate il blocco dei lavori…
«Ma era un ruolo di opposizione a quei tempi e avevamo ragionevoli motivi per contestare», ha risposto Mascia.
Motivi spariti alla vigilia dell'ennesima inaugurazione.
«Io contestai soprattutto quell'inaugurazione elettorale alla presenza del mio avversario Alessandrini e dell'ex sindaco D'Alfonso che dava i bigliettini in mezzo alla gente».
Può darsi che il sindaco la contestò.
Ma è sicuro che anche lui, quel giorno, approfittò della calca per distribuire i volantini elettorali con uno stuolo di collaboratori.
Ma oggi la «responsabilità di governo» offusca i ricordi e fa cambiare idea.

Manuela Rosa 05/12/2009 16.39

[url=http://www.primadanoi.it/notizie/19643-Ponte-del-Mare-Mascifermate-il-Ponte-perché-non-rispetta-le-regole]IL CENTRODESTRA DENUNCIA PRESUNTE ILLEGALITA'[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/notizie/16240-Masci-i-soldi-di-PescarAbruzzo-per-la-Sanità-pescarese]MASCI CONTRO LA FONDAZIONE PESCARABRUZZO[/url]


CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK