Nuove regole: parcheggi a pagamento fino alle 21 e nei festivi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2026

PESCARA. Per il Comune è una trovata che consentirà ai cittadini di sentirsi «più sicuri e sorvegliati» in città per l’intero periodo delle feste natalizie.


La novità è che a partire da sabato prossimo, 5 dicembre, i ragazzi che gestiscono gli spazi riservati alla sosta sulle aree di risulta dell'ex stazione e in piazza Primo Maggio resteranno in servizio per l'intera giornata, con orario continuato, dunque senza la pausa pranzo, e l'orario di attività verrà prolungato sino alle 21.
Per l'assessore al Traffico, Bernardino Fiorilli, in questo modo i cittadini non dovranno temere «aggressioni, scippi o posteggiatori abusivi».
Non solo: per il mese di dicembre il servizio a pagamento sarà in vigore anche nei giorni festivi ossia il 6, l'8, il 13, il 20 e il 27 dicembre.
Quindi mano al portafoglio per stare più tranquilli.
Per fronteggiare la nuova mole di lavoro, il Comune ha già chiesto alla società interinale GI Group di fornire altri operatori che inizieranno a lavorare tra un paio di giorni.
Terminato l'orario di servizio dei posteggiatori ufficiali, spiegano dal Comune, i parcheggi «diventano ‘terra di nessuno', in balìa degli abusivi alla ricerca di un obolo da parte degli automobilisti che si avventurano per lasciare la vettura o ritirare l'auto in sosta».
Ma non bastava aumentare la vigilanza?
Il Comune ha preferito un'altra strada che prevede due iniziative: la prima è quella del prolungamento dell'orario di servizio a pagamento sino alle ore 21 nella zona sud e zona terminal dell'area di risulta, escludendo invece la zona nord (adiacente via Silvio Pellico), che viene usata soprattutto dai residenti, e nel parcheggio di piazza Primo Maggio.
La seconda riguarda l'istituzione dell'orario di servizio continuato, dalle 8 alle 21, eliminando l'attuale pausa pranzo.
«Entrambe le misure», spiega ancora Fiorilli, «resteranno in vigore anche al termine delle festività natalizie».

02/12/2009 11.32