La Caserma Cesare Battisti di Sulmona non morirà

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2442

SULMONA. La parlamentare azzurra Paola Pelino: «la chiusura, almeno fino al 2012 è stata scongiurata»


La caserma Cesare Battisti avrà ancora due anni di vita.
Il pericolo di chiusura entro il 2010 è stato scongiurato grazie all'interessamento dell'onorevole Pelino.
Le attività della storica struttura sulmonese, simbolo della città, riprenderà già dall'inizio del nuovo anno con quattrocento volontari in ferma prefissata di quattro anni (Vfp4), che svolgeranno un corso di addestramento di due mesi. «E' stato un anno di intenso lavoro», racconta la parlamentare sulmonese, «perchè fin dal primo momento ho cercato di salvaguardare la struttura che tanto ha dato alla città non solo a livello economico ma anche a livello turistico».
Un biglietto da visita importante che grazie all'Esercito è rimasto nel cuore di tanti giovani che hanno svolto il servizio militare a Sulmona.
Un momento importante di forte respiro per una città che oggi più che mai sta attraversando una grave crisi economica.
Una boccata d'ossigeno quindi all'asfittica economia e all'intero sistema sociale cittadino.
«Ho lavorato molto e a lungo con il Sottosegretario alla Difesa, Guido Crosetto per cercare di aiutare la Caserma Cesare Battisti e per ottenere un ruolo addestrativo per la struttura – ha detto l'onorevole Paola Pelino - e oggi sento di esprimere la mia soddisfazione per aver portato un grande risultato per la mia città».
Due anni in più, ha spiegato la parlamentare, «significano molto per un territorio sofferente come il nostro e speriamo in questi anni di riuscire a trovare una soluzione per una permanenza definitiva della struttura con l'aiuto del ministero della Difesa e di questo Governo».

26/11/2009 9.02