Rifiuti. Impianto Valle Cena: «intervenga il Noe»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1241

VASTO. La Lega Nord Vasto e la segreteria provinciale Udeur chiedono al Comando Carabinieri Nucleo Operativo Ecologico l’intervento immediato nell’impianto di smaltimento rifiuti di Valle Cena.



Un intervento che, per i richiedenti, dovrebbe servire per verificare le condizioni di lavoro degli operai e di tutti coloro che quotidianamente si recano presso la struttura.
«Infatti», raccontano Riccardo Alinovi, segretario provinciale Udeur, e Stefano Moretti, Lega Nord Vasto, «all'interno dei capannoni del consorzio sono stipati ingenti quantitativi di rifiuti trattati
e di rifiuti indifferenziati. I rifiuti indifferenziati sono ad alto contenuto di carbonio organico ed i loro residui restano attivi per oltre 30 anni e, attraverso i naturali processi di decomposizione anaerobica, producono biogas e numerosi liquami (percolato) altamente contaminanti per il terreno e le falde acquifere».
Secondo i due, inoltre, «il caos generale che sta interessando il Civeta, e quindi il modo disorganizzato dell'accumulo di rifiuti, potrebbe far sfuggire all'attenzione rifiuti potenzialmente pericolosi per la salute sia di coloro che lavorano in loco che delle popolazioni dei territori limitrofi.
«Inoltre è noto», continuano Alinovi e Moretti, «che esistono, specialmente in Italia, numerose discariche abusive (inquinanti e pericolose), non controllate, spesso connesse con attività mafiose come la camorra per il lucroso traffico illegale dei rifiuti (ecomafie)».
25/11/09 12.24