Istituto alberghiero, «la nuova sede non può più aspettare»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1793

PESCARA. Ieri sopralluogo della Commissione Edilizia Scolastica della Provincia. Entro il 10 dicembre la Giunta Testa dovrà relazionare in Consiglio.


Dopo anni di mancate decisioni l'Istituto Alberghiero non può più attendere. La capogruppo dell'Idv alla Provincia di Pescara, Antonella Allegrino è tornata a chiedere all'amministrazione Provinciale di fare «una scelta oculata e definitiva circa la nuova collocazione dell'Istituto, scelta che tenga conto delle sue caratteristiche e della sua funzione all'interno del territorio, scelta compatibile con le reali possibilità finanziarie dell'Ente».
Se carente è stata in passato la determinazione in merito alla soluzione di questo problema, oggi occorre essere decisionisti, «innanizitutto per un senso di responsabilità civile. Occorre trovare una soluzione che vada aldilà degli equilibri politici e degli interessi particolari ed abbia come obiettivo l'interesse della comunità e di oltre 1500 persone tra studenti ed operatori».
Ieri mattina la Commissione Edilizia Scolastica della Provincia ha fatto un sopralluogo nella struttura.
A fine settembre il Consiglio Provinciale aveva approvato una Mozione presentata da Allegrino ed altri consiglieri in cui venivano impegnati presidente, Giunta e settori dell'Ente a verificare la validità di un'offerta pervenuta durante la precedente consiliatura, da parte della società Sole srl che prevedeva l'ubicazione dell'edificio scolastico in un'area non lontana da cementificio e depuratore.
Era stato anche richiesto di effettuare una verifica circa la disponibilità di Aree e manufatti già di proprietà dell'Ente ove poter eventualmente collocare la struttura , con relativa valutazione circa le risorse occorrenti e l'agevole fruibilità da parte dell'utenza.
Il tutto dovrà essere relazionato in Consiglio entro il 10 dicembre per giungere, entro febbraio 2010, ad elaborare un bando o avviso pubblico o altra modalità di evidenza pubblica che conduca all'individuazione della proposta progettuale più adeguata dal punto di vista logistico, funzionale ed economico, per l'avvio materiale dei lavori entro giugno 2010.

24/11/2009 9.06