Lanciano capitale del turismo religioso e culturale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1548

LANCIANO. Per la prima volta poi arriveranno buyers anche dai mercati-obiettivo Germania, Polonia e Malta: un’occasione unica di commercializzare l’offerta abruzzese.


I principali operatori italiani che organizzano la domanda di turismo religioso e culturale saranno infatti nel capoluogo frentano per l'ottava edizione dell'Italian Workshop Culto e Cultura, il «b2b» specializzato che negli anni si è ritagliato un ruolo di primo piano nel settore.
Alla borsa parteciperanno alcuni fra i buyers più accreditati in Italia, selezionati fra tour operator, agenzie di viaggio, uffici diocesani di pellegrinaggi e circoli ricreativi aziendali (Cral) provenienti dalle regioni che muovono il maggior numero di turisti in cerca di spiritualità e cultura: Lazio, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Liguria, Sicilia, Campania e Puglia.
Il sipario sull'Italian Workshop Culto e Cultura, che si svolgerà all'interno del Palazzo dell'Arcivescovado di Lanciano, si è alzato alle 9,30 di oggi con la santa messa celebrata nella cappella di San Gaetano dall'arcivescovo monsignore Carlo Ghidelli, per poi dare spazio alla contrattazione e, alle 11.00, alla conferenza «I valori del Turismo Religioso. Testimonianze» alla quale – accanto a monsignore Ghidelli – interverranno, fra gli altri, Carmen Furelos, presidente de I Cammini d'Europa che parlerà dell'esperienza di Santiago de Compostela, l'assessore provinciale Remo Di Martino, studioso del Cammino dell'Apostolo Tommaso e Antonio Bini, dirigente della Regione e docente di sociologia del Turismo, che interverrà sulla spiritualità del Cammino abruzzese.

Chiuse le contrattazioni, si apriranno le porte del museo diocesano per una visita straordinaria, e per i buyers, la direzione della manifestazione ha anche organizzato due educational tour, che porteranno i decision maker nei luoghi più importanti della spiritualità abruzzese, da Lanciano a Ortona, da Manoppello a Campli a Sulmona, in un percorso che unisce il Miracolo eucaristico, le testimonianze dell'apostolo Tommaso e di papa Celestino V, il Volto Santo e la Scala Santa.

L'Italian Workshop è uno dei momenti cardine della programmazione annuale dell'Associazione temporanea di scopo «Culto e cultura in Abruzzo», guidata dal Comune di Lanciano e coordinata dalla società in Fiera Srl: un'Ats che prosegue il programma di promozione iniziato nel 2000 e che vede oggi al centro, accanto alle arcidiocesi abruzzesi, le Province di Chieti, L'Aquila, Teramo e Pescara, i Comuni di Lanciano, Ortona, Sulmona, Chieti, Vasto, Monteodorisio, Manoppello, Casalbordino, Bucchianico e Orsogna, la Comunità montana Valle Roveto, l'Unione dei Comuni Città della Frentania e Costa dei Trabocchi, la Fondazione Arte Archeologia Cultura del Vastese.

20/11/2009 10.07