Contro Mimma l’ira degli infermieri d’Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

7555

ABRUZZO. «L'Infermiera Mimma non ci rappresenta». Sta ricevendo consensi a valanga il grido di dolore di Romano Torto, responsabile aziendale Nursing Up all'Ospedale SS. Annunziata di Chieti.

ABRUZZO. «L'Infermiera Mimma non ci rappresenta». Sta ricevendo consensi a valanga il grido di dolore di Romano Torto, responsabile aziendale Nursing Up all'Ospedale SS. Annunziata di Chieti.

Il responsabile del sindacato ha inviato una mail ai colleghi per protestare contro l'immagine grottesca degli Infermieri che appare in Tv nel programma di Simona Ventura.
Come noto, da tempo, uno sketch satirico che ha come protagonista un'infermiera rilancia in video i problemi della malasanità.
Nato a seguito degli scandali nazionali, lo sketch ha avuto successo e per questo resiste in video.
«Ma è una vergogna», scrive Romano Torto, «come può la Rai mandare in onda una volgarità come “l'infermiera Mimma” a “Quelli del Calcio”? Noi infermieri siamo professionisti, abbiamo un'etica, una dignità professionale, un codice deontologico, non possiamo essere rappresentati da un personaggio squallido, come avviene tutte le domeniche nel programma della Ventura. L'Infermiere è un professionista serio, responsabile dell'assistenza. Siamo stanchi di essere rappresentati in televisione sempre allo stesso modo: sciatte e ignoranti come la protagonista della gag o mangiatrici di uomini come in tante altre occasioni e gli infermieri maschi di solito intenti a spingere carrozzelle».
«Essere Infermiere»,ha aggiunto il sindacalista, «nel nostro paese è sempre più difficoltoso: turni massacranti, sottopagati, sempre a contatto con il dolore, la sofferenza, la morte. Da una parte c'è un Ministro che ci definisce fannulloni e dall'altra, luoghi comuni che ci collocano socialmente sempre più verso il basso”. L'appello di Romano Torto invita tutti quelli che si sentono offesi ad inviare una mail al programma della Rai ed una anche a quella del sindacato nursingup.abruzzo@virgilio.it .
Sull'argomento è da registrare anche una dichiarazione di Patrizia Bianchi, responsabile regionale di Nursing Up: «Sono indignata come professionista e come sindacalista – ha detto – questo sketch ci fa tornare indietro di anni nella percezione della figura professionale dell'infermiere che oggi è quasi sempre un laureato e comunque è un professionista sempre aggiornato. La satira va bene, ci mancherebbe. Ma l'insistenza stona. Sarebbe ora di cambiare registro».

s. c. 19/11/2009 10.35







CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK