Centro In.te. Per Merlino «ritardi e assenteismo» degli enti. Ricci: «falsità»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1403

CHIETI. L’ingegner Domenico Merlino, progettista del polo di formazione aeronautica e produzione di energia alternativa ha denunciato l’ «assenteismo delle istituzioni» a tutti i livelli nell’attuazione dell’accordo di programma sul centro In.Te.



Per Merlino si sono registrati inoltre ritardi nell'avvio delle procedure previste in Regione e Ministero.
Pronta la replica del sindaco di Chieti Francesco Ricci secondo cui l'ingegnere «va in cerca di inutili polemiche lanciando allarmi pretestuosi e ingiustificati e dimostrando, lui sì, scarsi e confusi ricordi sul come si sono svolti i fatti relativi alla soluzione del problema ex Burgo».
La ex Burgo ha chiuso il 4 agosto scorso; il 1° ottobre è stato siglato l'accordo di programma quadro (APQ), su progetto del Centro IN-TE, con finanziamenti europei – di cui il 20% a fondo perduto – con il pieno sostegno dei sindacati.
L'accordo è stato sottoscritto anche da un gruppo di imprenditori che hanno risposto e dato fiducia all'impegno in prima persona del sindaco Ricci e dell'amministrazione comunale per una soluzione rapida, che prevede, a pieno regime, investimenti per 360 milioni, lavoro per oltre 1100 addetti e la ricollocazione di tutti i dipendenti dell'ex cartiera, attualmente in cassa integrazione.
«Lo stesso accordo prevede nello specifico la realizzazione di un impianto fotovoltaico da 15 megawatt, un Centro internazionale di controllo e formazione di piloti aeronautici ed un impianto per la riutilizzazione di materiali da imballaggio», ha ricordato Ricci.
«L'ingegnere. Merlino, gridando al grave ritardo», continua il primo cittadino, «cerca in realtà di sfuggire alla responsabilità di aver iniziato lo smantellamento delle coperture in amianto dell'ex cartiera, prima della ratifica fondamentale che garantisca i lavoratori tutti nel loro diritto di stabilizzazione o riassunzione».
Ieri pomeriggio sono iniziati gli incontri del Comitato paritetico con le aziende interessate all'insediamento in IN.TE e la verifica degli impegni assunti da tutte le componenti: «attendere le poche ore che mancano all'incontro avrebbe evitato a Merlino una inutile brutta figura».


06/11/2009 9.17