Usi civici, conclusa la secolare controversia tra Abbateggio e San Valentino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1207

ABBATEGGIO. Una lunga vicenda giudiziaria che si spera metta fine a controversie ed incertezze.




Il sindaco Antonio Di Marco accompagnato dai componenti della Giunta e del Consiglio di Abbateggio ha illustrato i termini in cui si è conclusa, a favore del Comune che guida, l'annosa controversia con San Valentino in Abruzzo Citeriore per la proprietà di alcuni terreni di natura civica demaniale siti in località Valle Giumentina di Abbateggio.
Il sito dove sono in corso i lavori per la realizzazione del villaggio paleolitico un museo
preistorico all'aperto, unico nel suo genere in Abruzzo, è stato oggetto di un ricorso giudicato “inammissibile” dal TAR Abruzzo.
La contesa ha radici antiche, l'amministrazione comunale di San Valentino, fonda le sue
rivendicazioni sui diritti di godimento sulla base di risultanze catastali e «sulla confusione», sostiene Di Marco, «tra il diritto dell'uso civico e quello della promiscuità».
«Ma presso l'archivio di Stato di Chieti», spiega il primo cittadino, «dove sono conservati gli atti demaniali del Comune di Abbateggio, tantissimi sono i documenti che attestano che i coloni perpetui che coltivavano i terreni erano abbateggiani e pagavano il canone al Comune di Abbateggio e non a San Valentino».

UNA STORIA NATA NEL 1929

Questa è la storia: nel 1929 Abbateggio come Comune indipendente fu soppresso e riunito con quello di S. Valentino e Roccamorice.
Negli anni '30 furono eseguite le operazioni censuarie per la formazione del nuovo catasto terreni sul territorio di Abbateggio. Durante le operazioni di formazione delle mappe topografiche e delle partite catastali il Comune di Abbateggio, non esistendo più come Ente amministrativo, assunse la
nuova denominazione “Comune di San Valentino “, pertanto i relativi terreni furono
“intestati” a quest'ultimo.
Le intestazioni sono così rimaste fino ad oggi, anche dopo il 1946, anno che segnò la ritrovata autonomia comunale, in quanto l'Amministrazione dell'epoca, presa dai mille problemi del dopoguerra, non si preoccupò della rettifica delle intestazioni catastali.
Molte sono state le ragioni a favore del Comune di Abbateggio dai Catasti Onciari del 1743 e del 1783, che non riportano proprietà o diritti attribuiti o attribuibili al Comune di San Valentino, alle verifiche demaniali di metà Ottocento a tre sentenze del Commissario degli Usi Civici dell'Aquila del 1984, del 1997 e del 2000 che ribadiscono sempre l'estraneità del Comune di San Valentino (benchè intestatario catastale) alle cause per la risoluzione di controversie e reintegre di terreni a favore della collettività di Abbateggio.

NEL 2008 ESPLODE LA QUESTIONE

Il resto è storia recente, nel 2008 il Comune dà il via ai lavori per la realizzazione del villaggio paleolitico e nel mese di maggio del 2009 la Regione Abruzzo adotta una determinazione con la quale reintegra a favore di Abbateggio le terre gravate dal diritto di uso civico, in località Valle Giumentina, registrate a nome del Comune di San Valentino.
Ma il 4 luglio 2009 ricorre al TAR contro il Comune di Abbateggio e la Regione Abruzzo per rivendicare, nuovamente, il diritto di uso civico riaprendo una controversia chiusa un secolo e mezzo fa e che ha visto il suo epilogo l' 8 ottobre.
Infatti il Tribunale Amministrativo Regionale ha sancito definitivamente la reintegra dei terreni a favore del Comune di Abbateggio, assistito dall'avvocato Marco Spagnuolo, ed ha scritto la parola fine ai problemi creati da S. Valentino ad Abbateggio.
«Il risultato ottenuto è motivo di soddisfazione per la comunità abbateggiana», ha commentato soddisfatto il sindaco, «ed il pensiero va ai sindaci che si sono sempre battuti, come Don Gino Di Benedetto, novantacinquenne primo a ricoprire la carica dopo la ricostituita autonomia comunale, il defunto Domenico Scipione, Andrea Di Pierdomenico, Giovanni Parete che sono stati da sprone per l'attuale amministrazione a lavorare strenuamente per la difesa di questo diritto esclusivo del nostro territorio».

06/11/2009 9.11