Campari. Pelino: «lavoratori possono ricominciare a sperare»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2415




SULMONA. Non è tardata ad arrivare la riapertura del tavolo ministeriale per lo stabilimento Campari di Sulmona.
Lo aveva annunciato qualche giorno fa la deputata del Pdl, Paola Pelino.
Uno screening completo sulla vertenza con l'obiettivo di trovare una soluzione prima della fine della scadenza della cassa integrazione straordinaria c'è stato ieri nella sede ministero Sviluppo Economico.
«Ho premuto per avere un incontro per valutare interamente la situazione dello stabilimento sulmonese – ha sottolineato l'onorevole Pelino – dato che si rende indispensabile l'acquisizione dell'opificio da parte di un'azienda che possa garantire un futuro lavorativo alle maestranze entro luglio 2010».
E' importante, ha sottolineato l'esponente del Popolo delle Libertà, «che il sito possa tornare a produrre per dare un taglio alla disoccupazione e per rilanciare l'economia del territorio peligno attraverso l'aiuto del ministero ma anche di Regione e Provincia presenti all'incontro assieme alla dirigenza aziendale ai sindacati e alle Rsu».
La parlamentare sulmonese ha inoltre precisato che all'orizzonte si intravede qualche azienda interessata che sarà valutata nei prossimi giorni per capire quali prospettive potrebbe offrire all'Abruzzo interno.
«Le richieste giunte di acquisizione dello stabilimento mi fanno ben sperare – ha concluso Pelino – e in queste settimane farò quanto mi è possibile per cercare di chiudere la partita visti i tempi che stringono».

30/10/2009 11.30