Il sindaco Cordoma rinviato a giudizio per abuso d’ufficio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

7806

Il sindaco Cordoma rinviato a giudizio per abuso d’ufficio
PESCARA. Il sindaco di Montesilvano, Pasquale Cordoma, è stato rinviato oggi a giudizio dal gup del tribunale di Pescara, Maria Michela Di Fine, per abuso d'ufficio.
Secondo l'accusa, rappresentata dal sostituto procuratore Gennaro Varone, il sindaco, sulla base di pressioni politiche, avrebbe conferito all'ingegner Costantino Di Donato - fino a quel momento dirigente del settore Lavori Pubblici del Comune di Montesilvano - funzioni dirigenziali prive di qualsiasi effettiva rilevanza professionale, abusando in tal modo del proprio ufficio e causando un danno ingiusto a Di Donato.
Due anni fa il dirigente si trovò ad essere trasferito a capo del settore decimo senza assegnazione di personale, settore peraltro in precedenza sempre accorpato ad altri.
L'udienza davanti al tribunale collegiale si terrà il 19 maggio 2010.
L'inchiesta che si riferisce ad un fatto preciso peraltro documentato con registrazioni si inserisce però in un più ampio contesto che afferisce direttamente a quello dell'edilizia della speculazione e del controllo del territorio.
Il primo cittadino Cordoma avrebbe dunque abusato del suo ufficio trasferendo il dirigente inviso –dice l'accusa- sostituendolo con l'ingegnere Bellafronte Taraborrelli,una sorta di superdirigente con un superstipendio proprio nel settore lavori pubblici.
Il tutto sarebbe stato stabilito durante un pranzo, dove altri esponenti politici avrebbero indicato a Cordoma proprio il nome di Taraborrelli.
Taraborrelli risulta aver pagato anche una presunta tangente all'ex sindaco di Pescara, Luciano D'Alfonso di 8mila euro. In cambio secondo la procura avrebbe ottenuto alcuni incarichi.
L'accusa è stata quella di relegare Di Donato ad un ufficio non conforme alle sue esigenze lavorative, per ragioni politiche e non professionali.
Rimarrebbero sullo sfondo gli altri attori della vicenda ed esponenti politici che avrebbero fatto pressione o suggerito la rimozione poichè a prendere la decisione è stato materialmente il pubblico ufficiale Cordoma.
Una situazione scaturita da un procedimento civile anche grazie ad alcune registrazioni e prove che avrebbero indotto la procura ad iscrivere il primo cittadino nuovamente nel registro degli indagati.
Cordoma aveva ribattuto alle accusa dicendo:«scelgo il dirigente che mi pare».
«Ho appreso con sorpresa», ha commentato a caldo Cordoma, «la notizia del mio rinvio a giudizio. Sorvolando sull'amarezza che provo, confido nella fase dibattimentale del processo nel corso della quale, certamente, emergeranno il senso di responsabilità, l'onestà intellettuale e la passione che ho profuso nel tutelare la res publica . Nel corso del giudizio dimostrerò che il mio modo di agire è stato determinato da considerazioni e fatti concreti e non invece da congetture, macchinazioni o abusi».
Intanto Forza Nuova chiede le dimissioni di Cordoma.
«La virata verso la legalità non c'è stata», sostiene Marco Forconi, «ed, anzi, c'è stato un peggioramento di trasparenza e di amministrazione super partes. La città di Montesilvano è ridotta oramai ad un ammasso di pecore mute che trovano l'occasione di belare in occasione degli eventi elettorali. Forza Nuova, insieme ad altri movimenti cittadini d'area nazionalpopolare, terrà nei prossimi giorni un incontro con la cittadinanza proprio per informare la comunità vestina dei pericoli ai quali andrebbe incontro nel momento in cui gli stessi personaggi, da destra a sinistra, dovessero ripresentarsi alla prossima tornata elettorale».

29/10/2009 16.40


[url=http://www.primadanoi.it/notizie/17041-Cordoma-indagato-sono-libero-di-scegliere-chi-voglio]CORDOMA:"SONO LIBERO DI SCEGLIERE CHI VOGLIO"[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/notizie/18759-Cordoma-rivoluziona-i-settori-dell-ediliziacos%EC-si-paralizzano-gli-uffici]LA RIVOLUZIONE DEI SETTORI DELL'URBANISTICA NELL'ERA CORDOMA[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/notizie/18696-Scandali-e-mattone-nell-era-Cordoma-%E8-proprio-tutto-diverso]MATTONE: DIFFERENZE E SIMILITUDINI CON L'ERA CANTAGALLO[/url]

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK