Cna incontra Mastromauro: «Giualinova potenziale grandioso»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1636

GIULIANOVA. Incontro sindaco-Cna. Mastromauro e Gianfredo De Santis sottolineano il potenziale di Giulianova e concordano azioni comuni di sviluppo.

Più che proficuo l'incontro avutosi in mattinata in Comune tra il sindaco Francesco Mastromauro, affiancato dall'assessore al Commercio Fabio Ruffini con i dirigenti Andrea Sisino e Roberto Olivieri, e la delegazione della Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa di Teramo composta dal neo-presidente Gianfredo De Santis, dal direttore Gloriano Lanciotti, da Vincenzo Cicioni e dalla Responsabile dell'ufficio Cna Giulianova Cristina Agostini. La discussione tra i partecipanti si è incentrata in particolare sul potenziale economico e di sviluppo della città e sulla possibilità di rafforzare il rapporto di collaborazione già consolidato con il Comune.
I temi trattati hanno fatto riferimento all'ampliamento dell'area produttiva di Colleranesco, all'approvazione del nuovo Piano regolatore e allo sviluppo del Porto di Giulianova a cui mancano i fondamentali servizi che, ogni porto turistico e non, dovrebbe garantire non solo ai diportisti ma a tutti gli operatori del settore pesca, tenuto anche conto del futuro aumento della ricettività dello stesso scalo portuale.
«Il potenziale di Giulianova è grandioso – affermano congiuntamente il sindaco Mastromauro e il presidente De Santis – per cui sarebbe davvero un peccato non sfruttare il possibile tessuto imprenditoriale della città. Stiamo in ogni caso parlando di una Giulianova già molto viva: circa 2600 le partite Iva attive ed una densità d'impresa consistente con un imprenditore ogni 8 abitanti. Numeri significativi ed una economia basata non solo sul turismo e sul commercio, ma anche sulle imprese artigiane che producono reddito, occupazione e ricchezza».
«In un momento di così particolare crisi economica – è quanto afferma il sindaco Mastromauro - le istituzioni locali hanno il dovere di incrementare infrastrutture e crearne di nuove per offrire ai futuri imprenditori, ed a quelli già operanti, la possibilità di sviluppare idee innovative».
«Dal canto nostro – fa eco il presidente De Santis - siamo pronti ad offrire tutti gli strumenti necessari per la creazione di imprese e sostenerle nell'accesso al credito».
Si procederà pertanto ad una mappatura delle aree e dei manufatti presenti nell'area artigianale di Colleranesco con lo scopo di porre in essere specifici interventi d'intesa tra Comune e Cna, avendo cura di predisporre pannelli fotovoltaici per gli edifici oggetto di intervento, e ciò secondo linee che coniugano risparmio, tutela dell'ambiente e sfruttamento dell'energia alternativa.
«La stessa area di Colleranesco – aggiungono il sindaco Mastromauro e il presidente della Cna De Santis - non sarà più solo a caratterizzazione industriale-artigianale ma avrà anche una destinazione commerciale e di servizi all'impresa, e ciò proprio coerentemente all'obiettivo di rilanciare e riqualificare quell'area avendo anche in considerazione il deciso miglioramento della mobilità conseguente alla realizzazione del quarto lotto della Teramo-Mare».
A questo primo incontro ne seguiranno altri di carattere eminentemente operativo.

29/10/2009 15.47