Un giorno da disabile, politici e amministratori simulano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

866

PESCARA. Una passeggiata tra via Carducci e corso Umberto con una benda nera sugli occhi, accompagnato da un non vedente, e un giro in carrozzella a piazza Salotto, a fianco alle sedie a rotelle di alcuni disabili veri.


Sono queste le esperienze che il presidente della Provincia di Pescara, Guerino Testa, e molti altri amministratori pubblici, hanno fatto questa mattina aderendo alle "Giornate accessibili" promosse dall'amministrazione provinciale per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della disabilità.
Testa ha accettato di vivere personalmente le esperienze e le difficoltà che incontrano quotidianamente i disabili e insieme a lui hanno aderito alla giornata accessibile anche il vice sindaco Berardino Fiorilli, il presidente del consiglio comunale, Licio Di Biase, gli assessori provinciali Antonio Martorella e Aurelio Cilli, oltre all'assessore promotore dell'iniziativa, Valter Cozzi e al vicepresidente provinciale dell'ACI, Antonio Savini.
Tanti i cittadini interessati all'iniziativa che hanno accettato di sottoporsi a questa prova particolare.
Testa ha ascoltato le richieste dei disabili per quanto riguarda l'abbattimento delle barriere architettoniche in città e ha annunciato che la Provincia negherà il patrocinio a quelle manifestazioni che non prevedono un facile accesso ai portatori di handicap.
Domani, giovedì 29 ottobre, la stessa giornata di sensibilizzazione sarà ripetuta a Montesilvano, in piazza Diaz, dalle 9 alle 19.
Le Giornate dell'Accessibilità universale, organizzate dall'assessorato alle Politiche Sociale, hanno l'obiettivo di portare all'attenzione di amministratori e cittadini l'importanza di pensare a qualsiasi opera o trasformazione urbana, a qualsiasi struttura o servizio, con l'ottica dell'accessibilità per chiunque, senza distinzioni di status fisico, di età o di condizione sociale.

29/10/2009 8.34