«Gara scorretta», Confartigianato bacchetta Comune di Pretoro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1622

PRETORO. «Un disciplinare di gara scorretto e discriminante per gli artigiani».


Confartigianato Chieti stigmatizza il comportamento del Comune di Pretoro, ente firmatario di un project financing da circa 360 mila euro che ha portato alla costruzione di 20 box di legno in località Passo Lanciano.
Le strutture, in via di ultimazione, verranno assegnate ad altrettanti artigiani e commercianti con l'obiettivo di promuovere i prodotti dell'artigianato locale.
Fin qui nulla di strano per la Confartigianato se non fosse per il disciplinare del progetto di finanza redatto dalla società Sogepi srl di Fara Filiorum Petri, capofila dell'Ati che ha ricevuto il compito di progettare, realizzare e gestire i box di legno a Passo Lanciano.
Il disciplinare è stato recepito dal Comune di Pretoro con un'apposita delibera di giunta datata 30 maggio scorso.
Il 20 ottobre sono scaduti i termini per presentare le offerte di occupazione dei box «ma scorgendo il disciplinare», tuona la Confartigianato, «viene fuori una macroscopica ingiustizia che ci ha mandato su tutte le furie».
Nel dettaglio al punto 5 del disciplinare, dove vengono indicati i criteri di assegnazione di 4 box ai non residenti, si specifica che la selezione favorirà gli artigiani “iscritti o segnalati dalla CNA”. Stesso privilegio per gli esercenti CNA nel caso in cui rimanessero liberi alcuni degli 8 box riservati, a canone d'affitto ridotto, ai residenti della zona.
«Siamo di fronte a dei dilettanti della politica», dichiara Daniele Giangiulli, direttore provinciale Confartigianato. «Non si possono fare discriminazioni tanto evidenti tra associazioni di categoria e né tantomeno tra artigiani che scelgono liberamente di non essere rappresentati. Va bene valorizzare la montagna e deii suoi prodotti- a patto che le iniziative vengano concertate a tavolino tra tutti i soggetti preposti. Qualora il disciplinare non dovesse essere modificato daremo vita ad azioni legali contro il Comune di Pretoro».

26/10/2009 11.40