Carceri: nuove proteste agenti penitenziari Sulmona

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1692

SULMONA. I sindacati degli agenti penitenziari del carcere di Sulmona, tra cui Cgil, Cisl e Uil, manifesteranno a fine mese a Roma e a Pescara.

Non solo: i sindacati minacciano di non partecipare ad ulteriori incontri con le istituzioni.
E' quanto viene riportato in una nota congiunta in cui si denunciano ancora una volta «le già note condizioni di lavoro» e «lo stato di continua sofferenza del personale di polizia penitenziaria» del carcere di Sulmona.
Si tratta, in particolare, di mancati pagamenti relativi alle ore si servizio straordinario effettuate e di una generale situazione di degrado delle condizioni di lavoro degli agenti.
Quella portata avanti dalle istituzioni penitenziarie, continua la nota, e' una «politica di attendismo, priva di obiettivi, basata soprattutto sulla compressione dei diritti soggettivi dei lavoratori della polizia penitenziaria, i quali sono chiamati a sopperire con il loro impegno e spesso sulla propria pelle a tutte le mancanze strutturali ed organizzative riscontrabili oggi nelle strutture penitenziarie».
Già da settimane gli agenti penitenziari stanno alzando la voce per denunciare una situazione non più tollerabile.
Nonostante questo di risposte concrete, al momento, non ce ne sono ancora.
21/10/2009 10.45