Torre de’Passeri, stabiliti i criteri per i controlli sui progetti post-sima

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

767

TORRE DE' PASSERI. Vigilanza e controlli sui progetti che verranno presentati per le ristrutturazioni post-sima.


Il Comune di Torre de' Passeri stabilisce le procedure da osservare nel corso delle esecuzioni dei progetti e attraverso una delibera, votata in giunta all'unanimità, chiarisce i criteri che saranno seguiti nelle verifiche delle pratiche.
«Osservando le direttive contenute nelle ordinanze e negli indirizzi ministeriali», hanno spiegato il primo cittadino Antonello Linari e l'assessore all'emergenza post-sisma Renzo De Vincentis, «abbiamo stabilito che prima dell'erogazione dei fondi stanziati saranno effettuati controlli a campione sui progetti e sull'esecuzione in corso d'opera attraverso sopralluoghi, anche ripetuti, che saranno effettuati dal personale dell'ufficio sismico e poi verbalizzati. Sono previsti controlli sul 30% delle pratiche pervenute», hanno aggiunto Linari e De Vincentis, «che saranno estratte nel corso di due sorteggi mensili aperti al pubblico. Inoltre saranno effettuati ulteriori controlli specifici per gli esiti B - C con importo del contributo richiesto superiore a 50mila euro per unità immobiliare e 100mila negli altri casi, allora il controllo sarà esteso al 50% delle pratiche. Infine per avviare rapidamente gli interventi di ristrutturazione e riparazione degli edifici B, C ed E i contribuiti disponibili verranno erogati con precedenza per le pratiche relative alle abitazioni con persone evacuate».
Il primo sorteggio pubblico sarà effettuato, dopodomani, giovedì 22 ottobre, alle 11, in Municipio presso la sala consiliare.
Infine «visto il rilevante numero di pratiche con esito di agibilità B e C notificate dal Comune che superano le 100 unità e considerata l'oggettiva difficoltà d'interpretazione delle ordinanze per quanto concerne la redazione dei relativi progetti», ha concluso Linari, «ho chiesto al Sottosegretario Guido Bertolaso di sollecitare una proroga della presentazione delle richieste di contributo».

20/10/2009 15.12