Tre giornate di mobilitazione mondiale a Chieti e Lanciano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

874

CHIETI. Il Wwf lancia l'appello, mobilitazione sabato e domenica.

Il Wwf ha aderito per il terzo anno allo Stand Up, la mobilitazione mondiale per gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio che la Campagna delle Nazioni Unite promuove ormai da tre anni chiedendo a tutti, dal 16 al 18 ottobre, di alzarsi in piedi per ricordare ai governi i loro impegni contro la povertà e in favore di un mondo più equo e sostenibile.
Lo Stand Up di quest'anno, oltre al consueto messaggio sul rispetto della scadenza per gli Obiettivi del Millennio, fissata al 2015, e sull'Aiuto Pubblico allo Sviluppo, ha accolto la proposta del WWF: ricordare ai leader del pianeta che questo è l'anno del clima e che le popolazioni mondiali attendono un risultato positivo dal vertice mondiale di Copenhagen (7-18 dicembre) sul cambiamento climatico.
Anche in Abruzzo si farà Stand Up con un preciso richiamo all'importanza della tutela dei Beni collettivi senza la quale si producono solo situazioni di degrado e conseguente impoverimento sociale ed economico.
Sabato 17 ottobre l'occasione sarà data dalla manifestazione "Basta rifiuti" indetta dal WWF Chieti, dal comitato "VillaBlocc" e dall'Abruzzo Social Forum per chiedere uno stop all'introduzione di altri impianti di trattamento rifiuti e una maggiore attenzione alla tutela della salute pubblica rispetto al forte stato di inquinamento della zona. L'appuntamento è alle ore 18.00 a Madonna delle Piane (Chieti Scalo) dove saranno distribuite le fascette bianche di adesione e sarà letto l'appello nazionale; da lì partirà il corteo che arriverà alla stazione alle 19.30 circa.
L'altro appuntamento è a Lanciano domenica 18 ottobre dalle 9.00 alle 13.00 in P.zza Plebiscito dove il WWF Zona Frentana parteciperà allo Stand Up all'interno dell'iniziativa sportiva Stra-Lanciano con un banchetto informativo e la distribuzione delle fascette bianche. In concomitanza si raccoglieranno firme contro la deriva petrolifera dell' Abruzzo.

16/10/2009 10.07