Allagamenti a Pescara. Mascia: «soldi in arrivo per risolvere il problema»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1144

PESCARA. Fondi in arrivo per l’avvio delle opere di captazione e smaltimento delle acque bianche sull’intero territorio di Pescara.


L'ufficializzazione è arrivata ieri dal sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia, dall'assessore ai Lavori pubblici Gianni Teodoro e dal consigliere regionale Pdl Lorenzo Sospiri
Il Comune si farà infatti comune-capofila nella ricontrattazione dell'Accordo di programma Quadro Regione Abruzzo-Governo che verrà discusso a Roma la prossima settimana per lo stanziamento di fondi destinati all'intera fascia costiera.
«Appena lo scorso 5 ottobre – hanno spiegato Mascia, Teodoro e Sospiri – abbiamo incontrato in Comune il Dirigente generale dei Lavori pubblici della Regione Abruzzo, l'ingegner Caputi, al quale abbiamo sottoposto alcune proposte di progettazione che riguardano la realizzazione di linee per la captazione e lo smaltimento delle acque bianche sul nostro territorio».
Progetti che la nuova amministrazione comunale vuole realizzare in tempi brevi partendo dalle aree che oggi soffrono per problemi di dissesto idrogeologico o di allagamenti:
«Interventi drastici», ha spiegato Mascia, «dovranno riguardare tutta la zona collinare, dove la particolare conformazione del terreno rende improcrastinabile la realizzazione di un nuovo sistema di captazione; ma simili opere dovranno interessare anche il lungomare sud, la zona dello Stadio, e poi l'asse Porta Nuova-via Primo Vere-via Celommi, e anche l'area industriale, a partire da via Raiale».
La Regione Abruzzo avrebbe fornito ampie rassicurazioni circa l'inserimento di Pescara, come comune-capofila.
L' intervento interesserà sicuramente anche Montesilvano e Francavilla al Mare.
Già la prossima settimana, come hanno sottolineato i tre amministratori, «il presidente Chiodi sarà a Roma per un vertice operativo: nel frattempo l'amministrazione comunale di Pescara completerà la redazione di progetti specifici che verranno tutti inseriti nel triennale».

09/10/2009 9.22