Comunità Montana Majella Morrone, si parte con la nuova giunta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

10475

CARAMANICO TERME. Ai nastri di partenza la nuova giunta della Comunità Montana della Majella e del Morrone.

Il 30 settembre scorso sono stati eletti gli organi rappresentativi dell'Ente, con il neo eletto presidente Mario Mazzocca, sindaco Pd di Caramanico Terme, che subentra al suo predecessore Gianfranco Pinti, già sindaco Pd di Tocco.
A formare la giunta con Mazzocca, Roberto Di Cecco, vicepresidente e sindaco di Turrivalignani (indipendente), e Giuseppe Di Matteo delegato Pd di Roccamorice. Sulla poltrona di presidente del consiglio di Comunità e vice sono stati chiamati Dino Marangoni, sindaco di Scafa (Pd) e Sante Di Biase (Sinistra e Libertà) di Lettomanoppello.
Il documento programmatico del neo presidente è incentrato su servizi sociali, politiche territoriali ed ambientali, servizi coordinati, cultura e turismo, volontariato e protezione civile, punti cardine «necessari a rilanciare la sfida per un profondo e sostanziale cambiamento del territorio comprensoriale».
«Incentiveremo – ha spiegato Mazzocca - la promozione del territorio attraverso forme di sostegno ai diversi comparti, continuando l'opera proficua messa a punto dalla passata gestione».
Mazzocca, contrariamente a quanto qualcuno sostiene, si è detto convinto della bontà del lavoro svolto dalla precedente amministrazione dell'Ente guidata da Gianfranco Pinti.
«Lo sviluppo territoriale», ha continuato Mazzocca, «verrà contemplato e realizzato attraverso strumenti di programmazione mirati, come il Piano Pluriennale di sviluppo Socio Economico; nello specifico, utilizzeremo lo strumento dei Regolamenti Comunitari per sostenere economicamente iniziative atte a promuovere i vari settori su cui si interverrà energicamente previa definizione delle varie linee programmatiche che saranno a breve sancite nel prossimo Programma di Mandato».
«Programma – ha assicurato Mazzocca - a cui la nuova giunta, regolarmente e puntualmente insediatasi, sta già lavorando e su cui saranno promossi specifici incontri per l'opportuna concertazione e condivisione. A tal riguardo si sottolinea come massimo sarà il nostro impegno nell'affrontare tutti i problemi connessi all'organizzazione dei servizi alla persona, con particolare attenzione rivolta agli interventi di riqualificazione delle strutture e dei servizi sinora erogati dalla Azienda Speciale ‘Majella-Morrone' spa».
Mazzocca ha ricordato Mario Rosati, primo presidente dell'Ente scomparso di recente: «a lui, figura di alto profilo che contribuì in maniera determinante ad affermare la Comunità Montana proprio negli anni primordiali, va il nostro affettuoso pensiero ed un sincero sentimento di riconoscenza».


09/10/2009 9.21